Noto

La facciata come il teatro dell’opera dei pupi

Palazzo Nicolaci apprezzabile in tutta la sua originale bellezza, grazie a un restauro recente, è uno dei simboli dell’arte barocca siciliana. Fu la residenza nobiliare in città della famiglia Nicolaci e si compone di quattro piani: il pianoterra che era destinato alle scuderie e ai magazzini per le scorte alimentari; il primo piano era il piano nobile, dove viveva il barone e al piano superiore alloggiava il resto della famiglia; l’ultimo piano, la soffitta, era per la servitù.

portale d’accesso con balcone
Palazzo Nicolaci di Villadorata, in via Corrado Nicolaci a Noto, fu eretto tra il 1720 e il 1750 per volontà di Don Giacomo Nicolaci. La facciata è un teatro di strada che ricorda quello dei pupi per le maschere e i personaggi che sono scolpiti sui mensoloni. Cinque per ogni balcone ciascuno di essi venne realizzato secondo un preciso progetto “le virtù dei Nicolaci”. I balconi che si incontrano se si cammina verso la chiesa di Montevergine sono: mensoloni con i volti di bambini; seguono i cavalli alati con le zampe anteriori allungate verso la libertà; al terzo delle figure alate che guardano al futuro; dopo il portone centrale seguono le sirene alate simbolo di spiritualità il balcone delle chimere, figure mitologiche mostruose dal volto di leone, simbolo di potenza; a chiudere si trova il balcone che ha al centro un mensolone dove è scolpita la testa di un leone e ha ai lati volti umani. Un edificio simbolo dell’architettura barocca e della potenza politica ed economica che la famiglia seppe raggiungere.

Il portale d’ingresso è incorniciato tra due colonne ed è sormontato da un grosso balcone. La facciata è un teatro di strada che ricorda quello dei pupi siciliani per le maschere e i personaggi che vi sono scolpiti. Ciò che colpisce chiunque passi per via Corrado Nicolaci sono gli incredibili mensoloni . Cinque per ogni balcone, rappresentano figure mitologiche: sirene, sfingi, cavalli. Ciascuna mensola è riccamente decorata, quasi per paura di lasciare libero anche il più piccolo degli spazi.balcone, con finestra con sireneTale attenzione alla decorazione si ritrova nelle cornici intorno alle finestre: esse presentano elementi vegetali, volti umani e mascheroni. Per quanto riguarda il materiale usato si tratta della pietra tipica di Noto che diventa color miele quando il sole la colpisce e che regala ai passanti infinite colorazioni a seconda dei momenti della giornata.dettaglio sirena

Una chiesa barocca a metà

I sensi raccontano la Cattedrale di Sant’Agata

Il Ruolo degli Ordini religiosi nella ricostruzione del Val di Noto

I sensi raccontano La Scalinata di Santa Maria del Monte

Il cioccolato di Modica

Un nuovo palazzo per i signori La Rocca

Collegamento con gli altri siti UNESCO

Alla ricerca del colore

La festa di San Giacomo

Alla scoperta della chiesa madre

La parete prende vita

Un trionfo di colori

San Benedetto: un gioiello riaperto al pubblico

I sensi raccontano la Chiesa di Santa Chiara

Sant’Agata e le candelore

La pietra calcarea, il colore dell’armonia

Una città, due siti

I signori Barresi-Branciforti

Da San Tommaso a San Giuseppe

La cucina, uno scrigno di colori

Chiesa di San Giuliano ai Crociferi: la ricostruzione

La facciata come il teatro dell’opera dei pupi

Due illustri santi patroni

I colori dell’interno

Palazzo Nicolaci di Villadorata, chi sarà l’architetto?

I sensi raccontano la Badia di Sant’Agata

Fontana della Ninfa Zizza, acqua pubblica in città

Tra il bianco e il nero

Badia Sant’Agata, quanto carattere!

La chiesa del Carmine

Una città a forma d’aquila

I sensi raccontano la chiesa di Santa Maria del Carmelo

Alcune opere di pregio

Giorni di festa

Il giardino dei Novizi e i restauri di Giancarlo De Carlo

I sensi raccontano la Chiesa di Santa Chiara

Un nuovo ingresso per Santa Chiara

Una città a colori

Una festa solo per Scicli

I sensi raccontano la Chiesa dell’Annunziata

La dimensione sovrannaturale della cappella del Santissimo Sacramento

Il crocifisso di Burgos

San Sebastiano, quanto lavoro!

I sensi raccontano la chiesa di San Giovanni Battista

I colori della Cattedrale

I sensi raccontano il Monastero dei Benedettini e San NicoIò l’Arena

I sensi raccontano Palazzo Nicolaci

Un palazzo parlante

Un salone per le feste

Rosario Gagliardi, il maestro del Val di Noto

I sensi raccontano Palazzo La Rocca

I sensi raccontano la Chiesa di San Sebastiano

Un premio Nobel a Modica

La libertà di culto e il ruolo della chiesa cattolica per la diffusione del barocco

I mensoloni: celebrazione della famiglia Nicolaci

Le due chiese

Una città in miniatura

Dal contrasto dell’esterno al tripudio di colori dell’interno

I luoghi del sapere: la Biblioteca dei Benedettini

La città barocca sul mare

Una chiesa protagonista

Una chiesa imponente e luminosa

Il Monastero Benedettino, uno dei più grandi d’Europa

Un piccolo ambiente dall’ingresso dorato

L’interno e i suoi capolavori

Una città, tre siti

Un nuovo sito per una nuova chiesa

La scalinata degli angeli

I sensi raccontano Palazzo Napolino Tommasi Rosso

I sensi raccontano la Chiesa Madre di San Nicolò e del Santissimo Salvatore

Una pavimentazione a colori

La cattedrale di Sant’Agata: un lungo lavoro di ricostruzione

Il teatro del gusto

Un progetto di Vincenzo Sinatra

Dal tardo-gotico a noi

I sensi raccontano la Chiesa di San Giovanni Evangelista

Le maioliche della scalinata

Dalla fine del mondo alla rinascita dalle macerie

Nuove strade per Catania

I sensi raccontano la chiesa di San Giuseppe

Una piazza come cuore della città

Palazzolo in festa

Una lunga ricostruzione

I sensi raccontano la Chiesa di San Giuliano ai Crociferi

Alcuni capolavori

I sensi raccontano la Chiesa di San Benedetto

Modica, una città dalle origini antichissime

La città dei musei

Un simbolo per la città

Tanti proprietari, un solo palazzo

San Nicolò l’Arena: una chiesa incompiuta

Una facciata protagonista

Un nuovo sito per una nuova città

Il Barocco e la perdita dell’equilibrio del Cinquecento

Il disastroso terremoto

Militello, storia di un feudo illuminato

Un museo per non perdere la tradizione

Le àbsidi normanne

L’infiorata: la festa dei colori e dei fiori

Splendide rapide decorazioni