Noto

I sensi raccontano la Chiesa di Santa Chiara

udito
L’importante era sentire

Con un po’ di immaginazione, si può tornare indietro al 1800 quando la chiesa era ancora utilizzata dalle suore e si potevano udire le celebrazioni liturgiche che vi si svolgevano.
Alle messe partecipavano i fedeli e le suore.
Ma c’era un problema! Le suore non potevano essere viste da nessuno, poiché vivevano in clausura. E allora come fare a partecipare alla messa?
Furono realizzare delle tribunette, una sorta di palchetti, provviste di gelosie, delle grate, dietro le quali potevano assistere alle celebrazioni senza essere viste.

tatto
Toccare per scoprire

Toccare gli oggetti è uno dei nostri istinti e permette di creare immediatamente un legame con ciò che ci si trova davanti.
Toccare la facciata di Santa Chiara consentirebbe di capire la durezza del materiale, la temperatura della pietra, la porosità della superficie (liscia o ruvida), e avremmo in breve tempo moltissime informazioni. Tutto questo, messo in relazione con altri oggetti, fa scoprire le differenze tra un materiale e l’altro.
Le maioliche del pavimento di Santa Chiara, al tatto, si percepiscono più fredde e molto più lisce della facciata. Il legno delle tribunette, invece, si percepisce più caldo sia della pietra arenaria della facciata sia delle maioliche del pavimento e della balaustra.

vista
Paliotto

Nella zona dell’altare si nasconde un capolavoro, il paliotto.
Posto nella parte frontale dell’altare, gli artisti, per la decorazione, si ispirarono alle architetture del periodo rinascimentale. Il risultato fu uno splendido effetto scenografico, amplificato dall’uso degli specchi e impreziosito da materiali come l’ambra e il legno ricoperto con fogli d’argento, poi lavorati ad imitazione dell’oro.
La Luce che lo colpisce crea meravigliosi riflessi di luce che illuminano l’ambiente.foto edificio a specchi

Alla scoperta della chiesa madre

I sensi raccontano la Chiesa Madre di San Nicolò e del Santissimo Salvatore

Una chiesa barocca a metà

I signori Barresi-Branciforti

San Sebastiano, quanto lavoro!

I colori dell’interno

Un nuovo palazzo per i signori La Rocca

Fontana della Ninfa Zizza, acqua pubblica in città

Una città in miniatura

San Benedetto: un gioiello riaperto al pubblico

Alcune opere di pregio

Palazzolo in festa

Dal contrasto dell’esterno al tripudio di colori dell’interno

I sensi raccontano la Badia di Sant’Agata

Palazzo Nicolaci di Villadorata, chi sarà l’architetto?

I sensi raccontano Palazzo Nicolaci

I sensi raccontano Palazzo Napolino Tommasi Rosso

Una pavimentazione a colori

Una piazza come cuore della città

La città barocca sul mare

La pietra calcarea, il colore dell’armonia

Due illustri santi patroni

Un museo per non perdere la tradizione

I luoghi del sapere: la Biblioteca dei Benedettini

Un salone per le feste

Alla ricerca del colore

Una facciata protagonista

Tra il bianco e il nero

I colori della Cattedrale

I mensoloni: celebrazione della famiglia Nicolaci

Una lunga ricostruzione

La libertà di culto e il ruolo della chiesa cattolica per la diffusione del barocco

Un premio Nobel a Modica

Il Barocco e la perdita dell’equilibrio del Cinquecento

Una festa solo per Scicli

Il Ruolo degli Ordini religiosi nella ricostruzione del Val di Noto

Le maioliche della scalinata

Un simbolo per la città

I sensi raccontano la Chiesa di Santa Chiara

I sensi raccontano la Chiesa di San Giovanni Evangelista

Dal tardo-gotico a noi

I sensi raccontano la Chiesa di San Sebastiano

I sensi raccontano il Monastero dei Benedettini e San NicoIò l’Arena

Le due chiese

Chiesa di San Giuliano ai Crociferi: la ricostruzione

San Nicolò l’Arena: una chiesa incompiuta

La città dei musei

Un nuovo sito per una nuova chiesa

I sensi raccontano la chiesa di San Giuseppe

La scalinata degli angeli

Militello, storia di un feudo illuminato

Il cioccolato di Modica

Un piccolo ambiente dall’ingresso dorato

Un nuovo ingresso per Santa Chiara

Il teatro del gusto

I sensi raccontano La Scalinata di Santa Maria del Monte

Una città, tre siti

L’interno e i suoi capolavori

Una città a forma d’aquila

Collegamento con gli altri siti UNESCO

L’infiorata: la festa dei colori e dei fiori

Tanti proprietari, un solo palazzo

Splendide rapide decorazioni

Sant’Agata e le candelore

I sensi raccontano Palazzo La Rocca

Dalla fine del mondo alla rinascita dalle macerie

Il crocifisso di Burgos

Modica, una città dalle origini antichissime

I sensi raccontano la Chiesa di Santa Chiara

La parete prende vita

Un palazzo parlante

Il giardino dei Novizi e i restauri di Giancarlo De Carlo

Una chiesa protagonista

I sensi raccontano la Chiesa di San Giuliano ai Crociferi

Da San Tommaso a San Giuseppe

Alcuni capolavori

Il disastroso terremoto

La festa di San Giacomo

I sensi raccontano la chiesa di Santa Maria del Carmelo

Una chiesa imponente e luminosa

La cucina, uno scrigno di colori

Il Monastero Benedettino, uno dei più grandi d’Europa

La facciata come il teatro dell’opera dei pupi

Un trionfo di colori

I sensi raccontano la Chiesa di San Benedetto

La dimensione sovrannaturale della cappella del Santissimo Sacramento

Un progetto di Vincenzo Sinatra

Le àbsidi normanne

La chiesa del Carmine

Una città, due siti

Nuove strade per Catania

Badia Sant’Agata, quanto carattere!

I sensi raccontano la Chiesa dell’Annunziata

I sensi raccontano la chiesa di San Giovanni Battista

Un nuovo sito per una nuova città

Giorni di festa

I sensi raccontano la Cattedrale di Sant’Agata

Rosario Gagliardi, il maestro del Val di Noto

La cattedrale di Sant’Agata: un lungo lavoro di ricostruzione

Una città a colori