WHL

I criteri per l’inserimento delle città del Val di Noto nella WHL

Il Val di Noto identifica l’area che comprende le otto più importanti città della Sicilia sud-orientale tra quelle che furono colpite nel 1693 dal disastroso terremoto e ricostruite nel corso del settecento in stile tardo barocco.
Queste città sono: Catania, Militello in Val di Catania, Caltagirone, Ragusa, Modica, Scicli, Palazzolo Acreide e Noto e furono inserite, nella lista  del WH, in occasione della Conferenza di Budapest del 24-29 giugno 2002, secondo i seguenti criteri:

  • questo gruppo di città della Sicilia sudorientale fornisce rimarchevole testimonianza dell’esuberante genialità espressa nell’arte e nell’architettura del tardo barocco;
  • le città del Val di Noto rappresentano l’apice e la fioritura finale dell’arte barocca in Europa;
  • l’eccezionale qualità dell’arte e dell’architettura del tardo barocco del Val di Noto si fonda sulla sua omogeneità geografica e cronologica, nonché sulla sua abbondanza, risultato della ricostruzione dopo il terremoto che distrusse l’area nel 1693;
  • le otto città della Sicilia sudorientale incluse nell’iscrizione, caratteristiche del modello di insediamento e delle forme di urbanizzazione dell’area, sono costantemente soggette al rischio di terremoti e delle eruzioni dell’Etna.

Nel Val di Noto la spinta innovativa di questo periodo culturale e artistico nacque dall’esigenza di ricostruire intere aree urbane colpite dal sisma del 1693.
Furono attuati criteri omogenei nel rispetto delle diversità; alcune città furono ricostruite sul sito di origine, altre furono trasferite in altri luoghi.
Le città scelsero autonomamente gli architetti, gli scultori, i pittori e preferirono le maestranze locali.
Ciò ha determinato la nascita di un’arte barocca variegata e multiforme.
L’impegno degli ordini religiosi per educare le nuove generazioni di artisti e architetti alla conoscenza culturale e artistica della Roma barocca fu determinante.
Permise alle nuove maestranze di unire le conoscenze tecniche della cultura locale con il monumentale dinamismo del barocco romano.

L’interno e le opere d’arte

La chiesa di San Paolo

Viste negate, viste conquistate: il potere delle benedettine devote

Il crocifisso di Burgos

Un giardino di pietra

Barresi-Branciforte: i signori del feudo e l’ammodernamento della città

I sensi raccontano Palazzo Ducezio

I sensi raccontano la Chiesa di Santa Chiara

Il Monte delle Prestanze nel nuovo impianto urbanistico

Fontana della Ninfa Zizza, acqua pubblica in città

Le àbsidi normanne

San Benedetto: un gioiello riaperto al pubblico

Giorni di festa

La chiesa e il collegio

Una lunga ricostruzione

I sensi raccontano Palazzo Napolino Tommasi Rosso

Scenografia e devozione per Sant’Agata

I sensi raccontano Palazzo Zacco

Splendide rapide decorazioni

Militello: storia di un feudo illuminato

Dilatazione, spazialità e luce nella chiesa di San Domenico

Il giardino dei Novizi e i restauri di Giancarlo De Carlo

Maestosità degli esterni, grandiosità degli interni

Piazza Duomo, la fontana dell’elefante: il cuore della città

Un museo per non perdere la tradizione

Una città, tre siti

La chiesa della Madonna della Stella

Uno scrigno di opere preziose

Il teatro del gusto

L’infiorata: la festa dei colori e dei fiori

I sensi raccontano Palazzo Nicolaci

I sensi raccontano la Chiesa Santuario di Santa Maria della Stella

Il palazzo Trigona di Canicarao

I sensi raccontano Palazzo La Rocca

Una chiesa imponente e luminosa

San Domenico e la firma del Gagliardi

Gli interni della chiesa: spazialità e colori

I sensi raccontano la Chiesa di San Domenico

I sensi raccontano la chiesa di San Giuseppe

I sensi raccontano il Duomo di San Giorgio

I sensi raccontano La Scalinata di Santa Maria del Monte

La città nella città

La ricostruzione dopo il terremoto

Il giardino dei novizi e i restauri di Giancarlo De Carlo

Un palazzo parlante

Il convento dei frati francescani

I sensi raccontano la Chiesa di San Michele

San Sebastiano, quanto lavoro!

Badia Sant’Agata, quanto carattere!

La parete prende vita

Il Duomo di San Giorgio

I sensi raccontano la Badia di Sant’Agata

La chiesa di San Nicolò l’Arena: maestosità di una bellezza incompiuta

La creatività barocca: i soggetti ricorrenti

Il cioccolato di Modica

Gli altari, i santi e le opere scultoree

La chiesa di San Giuliano ai Crociferi

Il dinamismo della Chiesa di San Michele

Nuove strade per Catania

Palazzolo in festa

I sensi raccontano la Chiesa di San Sebastiano

Virtuosismi, decorazioni e altari

Il Barocco e la perdita dell’equilibrio del Cinquecento

Un nuovo sito per una nuova chiesa

La scalinata degli angeli

Dalla fine del mondo alla rinascita dalle macerie

La pietra calcarea, il colore dell’armonia

Il disastroso terremoto

I sensi raccontano la chiesa di Santa Maria del Carmelo

Le opere nella chiesa

Il palazzo della cancelleria: dall’ex stalla alla famiglia Nicastro

Militello, storia di un feudo illuminato

Il Monastero Benedettino, uno dei più grandi d’Europa

I signori Barresi-Branciforti

Il palazzo dei Due Mori

Un premio nobel a Modica

I criteri per l’inserimento delle città del Val di Noto nella WHL

Palazzo Nicolaci di Villadorata, chi sarà l’architetto?

I sensi raccontano la Chiesa di San Carlo ed ex collegio dei Gesuiti

Una città a colori

La casa-museo Antonino Uccello

Rosario Gagliardi, il maestro del Val di Noto

I sensi raccontano la Chiesa di San Paolo

L’illusione della luce, lo sfarzo decorativo

Dal contrasto dell’esterno al tripudio di colori dell’interno

I sensi raccontano il Monastero dei Benedettini e San NicoIò l’Arena

Il palazzo, la città, la chiesa

Due illustri santi patroni

Una città a forma d’aquila

Collegamento con gli altri siti UNESCO

I sensi raccontano il Duomo di San Giorgio

Un nuovo palazzo per i signori La Rocca

I sensi raccontano la Chiesa della Badia di Sant’Agata

I sensi raccontano la Chiesa di San Giuliano ai Crociferi

La badia di Sant’Agata

Il Ruolo degli Ordini religiosi nella ricostruzione del Val di Noto

La chiesa di San Giovanni Evangelista

Luminosi spazi sacri

I sensi raccontano Palazzo della Cancelleria

La chiesa di San Francesco

La cattedrale di Sant’Agata: un lungo lavoro di ricostruzione

I sensi raccontano la Chiesa Madre di San Nicolò e del Santissimo Salvatore

Geometria e meraviglia nell’architettura civile nel barocco del Val di Noto

Una facciata protagonista

La libertà di culto e Il ruolo della chiesa cattolica per la diffusione del barocco

Scicli, città dalle barocche scenografie

I sensi raccontano la Chiesa di San Giovanni Evangelista

Le nuove strade della città

Una piazza come cuore della città

La dimensione sovrannaturale della cappella del Santissimo Sacramento

Le maioliche della scalinata

La città di Modica tra natura e urbanistica

Storia di una rinascita

La chiesa di San Benedetto

Scenografia, luci e colori della cattedrale

I mensoloni: celebrazione della famiglia Nicolaci

L’architettura religiosa

La biblioteca dei benedettini

La scalinata degli angeli

Sant’Agata e le candelore

Una festa solo per Scicli

Tanti proprietari, un solo palazzo

Le due chiese

La facciata come il teatro dell’opera dei pupi

La Madonna delle Milizie: unicità della vergine guerriera

Fontana della Ninfa Zizza: acqua pubblica in città

Una pavimentazione a colori

I sensi raccontano Palazzo Beneventano

Un simbolo per la città

San Nicolò l’Arena: una chiesa incompiuta

I sensi raccontano la Cattedrale di Sant’Agata

I sensi raccontano la chiesa di San Giovanni Battista

La festa di San Giacomo

Un progetto unitario per la città di Catania

La cappella neogotica del seminario: simboli, luce e spazialità

Alla scoperta della chiesa madre

L’Infiorata di Noto, una tradizione moderna

I colori della Cattedrale

La chiesa di Santa Maria del Monte

Un premio Nobel a Modica

Dalla fine del mondo alla rinascita dalle macerie

I sensi raccontano la Chiesa di Santa Chiara

Un compromesso tra neoclassicismo e barocco

I colori dell’interno

Un nuovo sito per una nuova città

Alcune opere di pregio

I sensi raccontano la Chiesa di Santa Maria del Monte

Alcuni capolavori

Il palazzo di città

La città dei musei

Una città, tre siti

Un patrimonio di opere votive

La chiesa del Carmine

Lo scrigno di austerità sotto la grande cupola

Il teatro greco più piccolo del mondo

I sensi raccontano il Duomo di San Pietro

La libertà di culto e il ruolo della chiesa cattolica per la diffusione del barocco

I luoghi del sapere: la Biblioteca dei Benedettini

I sensi raccontano il Monastero dei Benedettini e la Chiesa di San Nicolò l’Arena

Alla ricerca del colore

La dilatazione dello spazio e la realtà in divenire

I sensi raccontano la Chiesa di San Benedetto

L’inizio di un’autentica concezione barocca

Modica, una città dalle origini antichissime

La città barocca sul mare

Da San Tommaso a San Giuseppe

Il Barocco e la perdita dell’equilibrio del Cinquecento

Le due chiese

Un salone per le feste

Gli interni: luci diffuse e cimeli bizantini

L’arte delle maioliche

I sensi raccontano la Cattedrale di Sant’Agata

La città a forma d’aquila

Un progetto di Vincenzo Sinatra

Una chiesa protagonista

Il trionfo del barocco: dilatazione degli spazi

I sensi raccontano la Chiesa di San Giuliano ai Crociferi

Un nuovo sito per la chiesa di San Giorgio

Sant’Agata e le candelore

I sensi raccontano la Chiesa di San Benedetto

Insolite iconografie: il Crocifisso di Burgos

Una città, due siti

Palazzo Trigona: un edificio dalla forma complessa

Una città in miniatura

La chiesa e il monastero

Un piccolo ambiente dall’ingresso dorato

Palazzo Zacco, tra sobrietà e decoro

Città e natura

Akrai e Siracusa: un legame indissolubile

Il Monastero dei Benedettini

La cucina, uno scrigno di colori

Fantasie di luci e colori in Val di Noto

Una chiesa barocca a metà

Dal tardo-gotico a noi

I sensi raccontano Palazzo Trigona

L’arte nel duomo

Rinascita e urbanistica della città di Noto

Un trionfo di colori

Spazialità dilatate, stucchi e luci colorate

I sensi raccontano la Chiesa di San Giovanni Evangelista

Tra il bianco e il nero

La Madonna dei Conadomini e l’arte della devozione

Verticalità e dinamismo della facciata della Chiesa di San Carlo

Chiesa di San Giuliano ai Crociferi: la ricostruzione

L’interno e i suoi capolavori

Un nuovo ingresso per Santa Chiara

Gli articolati spazi interni

I sensi raccontano la Chiesa dell’Annunziata