Catania

I sensi raccontano il Monastero dei Benedettini e San NicoIò l’Arena

olfatto
Odori e profumi dalle cucine

Proviamo ad immaginare gli odori provenienti dai sotterranei delle cucine che risalivano fino ai piani superiori e agli spazi collegati ai due refettori.
È in uno di questi spazi, destinati alla preparazione di ricche pietanze, che svetta la prodigiosa macchina della cappa settecentesca chiamata “il fornetto”, eretta sopra l’antica colata lavica del 1669.
La cucina era uno degli ambienti più importanti per la vita del monastero: una fabbrica che doveva sfamare un ingente numero di monaci, proprio come in un altro piccolo mondo all’interno del colossale monastero.

tatto
Lava e marmo

Tra gli elementi più caratteristici del monastero dei benedettini spicca, senz’altro, la forte bicromia dei materiali principali usati per costruirlo.
Proviamo a toccare una colonna di marmo dello scalone e uno dei gradini in pietra lavica che conducono alla biblioteca, noteremo subito quanto siano diversi tra loro.
Se li toccassimo avvertiremmo immediatamente la differenza tra i due materiali: il marmo liscio senza imperfezioni superficiali e la porosità e la ruvidezza della pietra lavica.

udito
Canti e preghiere

La vita dei monaci benedettini era scandita dalla ferrea regola del Ora et Labora.
Le giornate erano organizzate attraverso una serie di attività: la preghiera, il lavoro e lo studio. I monaci neanche di notte o al mattino presto erano esonerati dalla preghiera; essi, infatti, si riunivano nella cappella notturna, il cosiddetto coro di notte, e intonavano cori e orazioni al Signore.

vista
Wow che colori!

Quando si pensa ad una cucina, viene in mente un luogo ricco di cibo, pulito, pieno di pentole e cucchiai.
Questo per le cucine normali, banali… perché se si parla della cucina del monastero, la prima cosa a cui si pensa sono i colori del pavimento e della struttura centrale: un trionfo di bianco, blu, giallo, verde e arancione.

gusto
Buon appetito

La cucina preparava gustosi pranzi e cene tutti i giorni. In particolare, il pranzo del Capodanno 1785 aveva un menù che prevedeva gustosissimi piatti.
Come primi piatti furono preparati i gamberi, il pesce spada e una minestra di pasta e pesce; per secondo fu servito il merluzzo e il pesce luna con salsa di erbette e alici; a seguire cavolo con tonnina e uova.
La cena si chiuse con una crema, accompagnata da frutta finale, in questo caso la mela.
Un pranzo di tutto rispetto, buono e ricco di ogni nutrimento: possiamo dire che i monaci non si facevano mancare proprio nulla!

Tanti proprietari, un solo palazzo

Da San Tommaso a San Giuseppe

Un piccolo ambiente dall’ingresso dorato

Un premio Nobel a Modica

Il Monastero Benedettino, uno dei più grandi d’Europa

Un nuovo ingresso per Santa Chiara

Una chiesa barocca a metà

La parete prende vita

La cattedrale di Sant’Agata: un lungo lavoro di ricostruzione

Una città a forma d’aquila

I luoghi del sapere: la Biblioteca dei Benedettini

Palazzolo in festa

Dal contrasto dell’esterno al tripudio di colori dell’interno

Il crocifisso di Burgos

La cucina, uno scrigno di colori

I colori della Cattedrale

Alcuni capolavori

Un nuovo sito per una nuova chiesa

La festa di San Giacomo

La scalinata degli angeli

Una città, tre siti

Una pavimentazione a colori

I sensi raccontano la chiesa di Santa Maria del Carmelo

Il Barocco e la perdita dell’equilibrio del Cinquecento

La città dei musei

I sensi raccontano la Chiesa dell’Annunziata

La libertà di culto e il ruolo della chiesa cattolica per la diffusione del barocco

San Nicolò l’Arena: una chiesa incompiuta

Un progetto di Vincenzo Sinatra

Fontana della Ninfa Zizza, acqua pubblica in città

Una città in miniatura

Modica, una città dalle origini antichissime

Alla scoperta della chiesa madre

Due illustri santi patroni

Un salone per le feste

San Benedetto: un gioiello riaperto al pubblico

Rosario Gagliardi, il maestro del Val di Noto

I sensi raccontano la Chiesa di Santa Chiara

I sensi raccontano la Cattedrale di Sant’Agata

La chiesa del Carmine

Un nuovo sito per una nuova città

I sensi raccontano la Chiesa di Santa Chiara

L’interno e i suoi capolavori

I sensi raccontano Palazzo La Rocca

Il giardino dei Novizi e i restauri di Giancarlo De Carlo

Una facciata protagonista

I sensi raccontano la chiesa di San Giovanni Battista

I signori Barresi-Branciforti

San Sebastiano, quanto lavoro!

Il disastroso terremoto

Un trionfo di colori

Il cioccolato di Modica

I mensoloni: celebrazione della famiglia Nicolaci

La pietra calcarea, il colore dell’armonia

La dimensione sovrannaturale della cappella del Santissimo Sacramento

Una chiesa imponente e luminosa

I sensi raccontano la Chiesa di San Giovanni Evangelista

I sensi raccontano La Scalinata di Santa Maria del Monte

Dal tardo-gotico a noi

Dalla fine del mondo alla rinascita dalle macerie

Chiesa di San Giuliano ai Crociferi: la ricostruzione

Un palazzo parlante

Un museo per non perdere la tradizione

Giorni di festa

Alla ricerca del colore

Le due chiese

Tra il bianco e il nero

La facciata come il teatro dell’opera dei pupi

Badia Sant’Agata, quanto carattere!

Il teatro del gusto

I sensi raccontano la Badia di Sant’Agata

La città barocca sul mare

Le maioliche della scalinata

Un simbolo per la città

I sensi raccontano la Chiesa Madre di San Nicolò e del Santissimo Salvatore

Palazzo Nicolaci di Villadorata, chi sarà l’architetto?

Una festa solo per Scicli

Alcune opere di pregio

Una lunga ricostruzione

I colori dell’interno

I sensi raccontano il Monastero dei Benedettini e San NicoIò l’Arena

L’infiorata: la festa dei colori e dei fiori

Il Ruolo degli Ordini religiosi nella ricostruzione del Val di Noto

Una città, due siti

I sensi raccontano Palazzo Napolino Tommasi Rosso

Una piazza come cuore della città

Nuove strade per Catania

Una chiesa protagonista

Collegamento con gli altri siti UNESCO

Le àbsidi normanne

Un nuovo palazzo per i signori La Rocca

Splendide rapide decorazioni

I sensi raccontano la Chiesa di San Giuliano ai Crociferi

I sensi raccontano la chiesa di San Giuseppe

Sant’Agata e le candelore

I sensi raccontano la Chiesa di San Sebastiano

Una città a colori

I sensi raccontano la Chiesa di San Benedetto

I sensi raccontano Palazzo Nicolaci

Militello, storia di un feudo illuminato