La chiesa di santa Maria dell'ammiraglio
La decorazione barocca

I sensi raccontano la decorazione barocca

vista
Lo sfarzo del Barocco

Se all’interno si notano affreschi sfarzosi e appariscenti, tipici dell’epoca Barocca, collocati accanto lo splendore dorato dei mosaici bizantini, l’esterno si caratterizza per una piacevole mescolanza di stili: elementi rappresentativi tipici dell’architettura normanna e di derivazione islamica, come le articolazioni dei prospetti con nicchie con ghiere incassate, ad arco ogivale, che danno un ritmo vibrante alle  le murature. Originale è anche un fregio, con un’iscrizione in lingua greca, che ricorda il fondatore Giorgio di Antiochia.

tatto
I lapislazzuli: le pietre preziose dell’antichità

Al centro dell’altare maggiore è collocata una pala, con la raffigurazione dell’Ascensione, dipinta da Vincenzo da Pavia nel 1533 mentre, sotto il quadro prende posto un sontuoso tabernacolo realizzato in lapislazzuli. Conosciuti fin dall’antichità, e provenienti dalla Cina e dall’Afghanistan, i lapislazzuli avevano un costo simile all’oro. Di un blu molto intenso, il loro utilizzo, al pari della porpora, era prerogativa e simbolo di lusso.

udito
Tempo di restauri

C’è concitazione in piazza: è attivo il cantiere di restauro diretto dall’architetto Giuseppe Patricolo. L’intento dei restauratori, che lavorano senza sosta e di buona lena, è quello di riportare in vista le antiche porzioni medievali, anche rimuovendo alcune parti del periodo barocco. In questo frangente sono state ritrovate le fondamenta dei muri dell’abside e del nartece.

I sensi raccontano l’architettura esterna e l’impianto originario

Intrecci di saperi nella Palermo normanna

La conquista normanna della Sicilia e la nascita di un nuovo regno latino

I sensi raccontano il contesto storico la martorana

I sensi raccontano il contesto storico

Il pavimento in opus sectile della Cappella Palatina

La cappella di San Pietro nel Real Palazzo

I restauri

I mosaici del transetto e delle absidi

L’esterno barocco

La splendida Zisa e il suo giardino: solacium regi tra suoni, colori e profumi

La pavimentazione: forme, motivi e iconografia

L’involucro architettonico: la pianta a croce greca orientata verso la luce

Dal terremoto al crollo

Il Palazzo che fu dei re

Le decorazioni

Il soglio reale

L’antico convento della Martorana, storia di devozione e tradizione

I sensi raccontano l’architettura e le decorazioni

Dall’oblio al recupero della memoria

Le decorazioni del campanile

I mosaici delle navate

La dedica dell’Ammiraglio

Un edificio costruito in un breve spazio di tempo

L’interno della chiesa

I sensi raccontano la decorazione barocca

L’interno barocco

Il ritorno dell’acqua

I sensi raccontano la pavimentazione

Il palazzo ritrovato

I loca solatiorum: dimore per lo svago, il benessere e la caccia

Il parco del Genoardo, il giardino dei piaceri e della meraviglia

I sensi raccontano l’interno

Lo spazio architettonico

I sensi raccontano il ciclo musivo

Stili diversi e trasformazioni, per una “delle più belle costruzioni che si possono vedere”

La veste architettonica e le trasformazioni nel tempo

I sensi raccontano l’archittetura

La nascita del regno normanno

Un crescendo architettonico

I sensi raccontano il contesto storico Zisa

I sensi raccontano il soffitto

I sensi raccontano la Zisa nei secoli

Il tetto del Paradiso: una delle opere più rappresentative dell’arte medievale

Il ciclo musivo, un cammino ascendente verso la luce

L’oro e la luce: lo splendore dei mosaici della Cappella Reale

I sensi raccontano i restauri

Forme e colori del soffitto ligneo

Il Cassaro