Stromboli

Stromboli, il vulcano che respira

Stromboli è l’isola con più magia delle Eolie.
Non importa che voi siate vulcanologi, amanti delle scienze, filosofi, impiegati, operai: dormire una volta a Stromboli e poter osservare le sue esplosioni vi legherà per sempre alla madre Terra, facendovi capire come essa sia realmente viva e “respiri” attraverso vulcani come quello di Stromboli.
Stromboli è il vulcano che tutti noi abbiamo nel nostro immaginario: esso ha una forma quasi perfettamente conica con esplosioni di lava dai crateri posti alla sua sommità.

 isola di stromboli
L’isola di Stromboli, vista dal mare. Essa ha la classica forma conica di un vulcano. In basso sulla sinistra, quasi al livello del mare, sono presenti le case dell’abitato di Ginostra. In cima al vulcano la classica bianca dovuta al degassamento del magma.

Le esplosioni nei crateri sommitali sono state praticamente continue negli ultimi 120000 anni, anche se vi sono stati alcuni periodi di stasi dopo grandi fenomeni di collasso di una parte di vulcano.
Le esplosioni hanno un ritmo più o meno continuo, attualmente circa ogni 10 minuti uno dei cinque crateri sommitali è in grado di lanciare fino a 50-100 metri di altezza brandelli di lava, seguendo uno stile eruttivo che prende il nome di “ Stromboliano ” proprio da questa isola. Ma Stromboli non è solo esplosioni. Il suo fascino si manifesta anche di notte: passeggiando con le torce lungo i suoi vicoli privi di illuminazione è possibile ammirare anche dal paese, riparato rispetto ai crateri sommitali, il continuo bagliore rosso delle esplosioni, a volte accompagnato dal lancio di qualche bomba vulcanica.
Stromboli è anche stare seduti a tavola nel terrazzo della propria casa, e sentire il terreno e il tavolo vibrare per le esplosioni: nessuna paura, questo è semplicemente il brontolio del vulcano!
Stromboli è anche potere osservare centinaia di metri di spiaggia, composta da fine sabbia nera vulcanica, con pochissimi ciottoli, a differenza delle altre isole dell’arcipelago
La spiaggia di Stromboli è la più ampia in sabbia di tutto l’arcipelago.
Stromboli è anche il pesce fresco, portato dai pescatori locali ogni mattina. Pesce che dice tutto di questa porzione di mare, e che vi farà venire nostalgia di questo luogo incantato appena tornerete a casa. Visitare Stromboli è un’esperienza non solo vulcanologica, ma che coinvolge l’ essere umano nella sua natura e nel suo collegamento alla madre Terra.

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Vulcano, la più giovane tra le opere d’arte Eoliane

Panarea e la sua storia

L’antica produzione del sale

Filicudi: piccola isola, grande storia

I crateri sommitali

Il villaggio preistorico di Cala Junco

Il villaggio di Capo Graziano

La Malvasìa delle Lipari DOC

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

Le Eolie, dove è nata la vulcanologia

Filicudi, paradiso sommerso

Gli elementi morfologici sottomarini delle Isole Eolie

Le Terme di San Calogero

Il laghetto salato di Lingua

Come si forma la pomice

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

L’eruzione del 2002-03

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

Il Gran Cratere de La Fossa: dove il vulcano diventa uno scultore

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

Pollara, tra poesia e bellezza

I Faraglioni di Panarea

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Storie di mare e naufragi. I relitti delle Isole Eolie

Panarea, dove mare e vulcani diventano scultori

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

La Sciara del Fuoco

La parte nascosta delle Eolie

I sensi raccontano i crateri sommitali

I sensi raccontano le fumarole del porto di Vulcano

Lipari al centro della storia del Mediterraneo

Sette isole, decine di vulcani

Stromboli, il vulcano che respira

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea