Lipari

I sensi raccontano le Terme di San Calogero

tatto
Il tepore naturale di una sorgente termale

L’acqua sgorga ad una temperatura tra i 34 e i 40 gradi C.
Stando attenti, è possibile immergersi nel tepore dell’acqua che sgorga dall’antica sorgente naturale delle Terme di San Calogero.

olfatto
È pur sempre acqua di origine vulcanica

Pur non trovando gesso, zolfo ed altri sublimati, l’acqua che sgorga dall’antica sorgente termale di San Calogero è pur sempre di origine vulcanica. Essa attraversa infatti dei terreni vulcanici che, per loro natura, sono intrisi di questi minerali.
In assenza di vento, avvicinando il naso all’acqua si sente quel tipico odore di zolfo che caratterizza tutte le aree vulcaniche.

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Il villaggio preistorico di Cala Junco

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

Lipari al centro della storia del Mediterraneo

Alicudi, dove il tempo si è fermato

I sensi raccontano le fumarole del porto di Vulcano

Storie di mare e naufragi. I relitti delle Isole Eolie

Le Terme di San Calogero

Gli elementi morfologici sottomarini delle Isole Eolie

Filicudi, paradiso sommerso

Il laghetto salato di Lingua

Panarea, dove mare e vulcani diventano scultori

I crateri sommitali

Stromboli, il vulcano che respira

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

L’eruzione del 2002-03

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

L’antica produzione del sale

Il Gran Cratere de La Fossa: dove il vulcano diventa uno scultore

Come si forma la pomice

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

Vulcano, la più giovane tra le opere d’arte Eoliane

La Sciara del Fuoco

Panarea e la sua storia

I Faraglioni di Panarea

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

Sette isole, decine di vulcani

I sensi raccontano i crateri sommitali

Le Eolie, dove è nata la vulcanologia

La parte nascosta delle Eolie

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

La Malvasìa delle Lipari DOC

Il villaggio di Capo Graziano

Filicudi: piccola isola, grande storia

Pollara, tra poesia e bellezza