Vulcano

I sensi raccontano il porto di Vulcano

vista
Giallo e bianco su fondo grigio

La presenza delle fumarole, costantemente attive, ci ricordano che l’isola di Vulcano è un vulcano attivo. Il Faraglione, la rocca che sovrasta il porto, è un meraviglioso torrione naturale ormai del tutto giallo e bianco a causa dello zolfo e del gesso che si sono cristallizzati lungo i suoi fianchi.
La strada che dal porto di Vulcano porta verso la zona termale della spiaggia di Levante è anch’essa con la stessa colorazione, e con tutto questo giallo e zolfo vi sembrerà di camminare lungo uno dei viali dell’ “inferno”.
Tuttavia, questa colorazione non è del tutto uniforme, ma presenta chiazze più o meno intense su un fondo grigio che è quello originario della roccia.

olfatto
L’odore di Vulcano

L’odore delle fumarole non è certamente piacevole, ma è veramente caratteristico e tipico di Vulcano. La sua intensità cambia sia con il variare delle stagioni che con l’attività propria del Vulcano. Dopo un periodo particolarmente piovoso, l’odore non è molto intenso, in quanto c’è più acqua piovana, che è filtrata in profondità ed è evaporata.
Negli ultimi anni del ‘900 si sono avuti dei momenti in cui il magma in profondità si è mosso, come è naturale che sia, e ciò ha fatto aumentare la quantità di gas magmatici nelle fumarole, facendo aumentare a dismisura la “puzza” di uovo marcio data dallo zolfo nei gas.

udito
Il “respiro della Terra”

Provate, magari di notte in assoluto silenzio, ad avvicinarvi ad una delle fumarole del porto e, con l’accortezza di non mettere la faccia al loro interno, mettete l’orecchio vicino a una di esse. Ascolterete il vero respiro della terra.

tatto
Un caldo tepore, anche nei mesi invernali

Un’altra delle caratteristiche tipiche della zona del porto di Vulcano è il tepore che sentirete toccando qualsiasi cosa nella zona del porto.
In ogni stagione dell’anno, con o senza sole, provate a toccare il terreno, le pareti di roccia, i muretti e tutto ciò che è a contatto con il terreno e proverete un piacevole tepore fino a quasi un caldo difficile da sopportare. Attenti però a non toccare le fumarole, lì le temperature sono al di sopra dei 100°C!!!

gusto
Formaggi vulcanici

La conformazione di Vulcano sembrerebbe non poter ospitare nulla di commestibile.
D’altronde, parliamo di un’isola che non è stata mai abitata fino agli anni ’60 del secolo scorso. In realtà negli ultimi anni molti terreni della parte sud di Vulcano, quella non attiva attualmente, sono stati adibiti a pastorizia.
È abbastanza frequente trovare capre e pecore che pascolano liberamente per tutta l’isola.
È ormai diventato famoso il formaggio di vulcano, soprattutto la ricotta infornata, prodotto e confezionato esclusivamente sull’isola.

I sensi raccontano il porto di Vulcano

Pollara, tra poesia e bellezza

Sette isole dai diversi volti

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

I vulcani

Vulcano, il più famoso vulcano del mondo

Il villaggio preistorico di Cala Junco

Sette isole, decine di vulcani

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

Panarea, l’isola dei Faraglioni

Il Gran Cratere de La Fossa

Il laghetto salato di Lingua

Le Eolie, dove si è iniziato a studiare i vulcani

I sensi raccontano il laghetto salato di Lingua

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

I Faraglioni di Panarea

La Sciara del Fuoco

La parte nascosta delle Eolie

Miti e leggende sui vulcani

Da dove arrivano i gas di Vulcano

Stromboli, il vulcano che respira

Filicudi: piccola isola, grande storia

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

Il villaggio di Capo Graziano

Al centro del commercio nella storia

I crateri sommitali

Vino, olio e capperi: capolavori della natura e rampa di lancio dell’economia Eoliana

I sensi raccontano il Castello di Lipari

L’antica produzione del sale

Filicudi, paradiso sommerso

Le fumarole del porto di Vulcano

I sensi raccontano il villaggio preistorico di Cala Junco

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

Il bianco candido delle cave di pomice