Lipari

Il bianco candido delle cave di pomice

La parte nord-orientale, ma non solo, dell’isola di Lipari è coperta da uno strato di pomice bianchissima.
 le cave di pomice
Questa è stata emessa da Monte Pilato, una piccola collinetta collocata tra i paesi di Canneto ed Acquacalda, località Porticello. In realtà del Monte Pilato ormai rimane ben poco, perché questa è stata la sede di attività estrattive di pomice sin dagli anni ’60 del secolo scorso.
Quello che rimane ora di Monte Pilato è una parete alta circa 200 metri, bianca come il marmo vista da lontano. Le attività estrattive sono invece state bloccate a metà degli anni ’90, poco prima che le Eolie diventassero patrimonio dell’Unesco nel 2000.
La pomice è sempre stata una delle maggiori attrazioni dell’isola.
Da un punto di vista naturalistico, essa crea un paesaggio quasi irreale a causa del suo colore bianco.
La polvere di pomice, frutto dell’erosione dei banconi di pomice di Monte Pilato, copre anche la spiaggetta sottostante e tutti i terreni intorno, ed ovviamente anche il fondale marino antistante, il quale ha assunto nel tempo un meraviglioso colore turchese, quasi fosse una piscina naturale.
In questo angolo di paradiso l’unica nota che stona sono i residui dell’industria di pomice, ancora non smaltiti. Sebbene gli edifici degli anni ’60 rappresentino un meraviglioso esempio di archeologia industriale, le industrie degli anni ’90 hanno lasciato ancora delle passerelle in ferro e dei capannoni, i quali dovrebbero essere smaltiti nel giro di poco.
Da un punto di vista vulcanologico, le pomici di Lipari sono tra le più famose al mondo proprio per la purezza del loro colore, dovuto al coinvolgimento di un solo magma durante l’eruzione dell’ ‘800 di Monte Pilato.

Le Terme di San Calogero

Stromboli, il vulcano che respira

Come si forma la pomice

Panarea, dove mare e vulcani diventano scultori

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

Filicudi, paradiso sommerso

Storie di mare e naufragi. I relitti delle Isole Eolie

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

I sensi raccontano i crateri sommitali

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

Vulcano, la più giovane tra le opere d’arte Eoliane

La Sciara del Fuoco

I Faraglioni di Panarea

Le Eolie, dove è nata la vulcanologia

Il villaggio di Capo Graziano

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

Il Gran Cratere de La Fossa: dove il vulcano diventa uno scultore

Alicudi, dove il tempo si è fermato

L’eruzione del 2002-03

Filicudi: piccola isola, grande storia

La plasticità dei fanghi di Vulcano

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

Panarea e la sua storia

Il laghetto salato di Lingua

Il villaggio preistorico di Cala Junco

I crateri sommitali

Lipari al centro della storia del Mediterraneo

La Malvasìa delle Lipari DOC

Pollara, tra poesia e bellezza

Sette isole, decine di vulcani

I sensi raccontano le fumarole del porto di Vulcano

L’antica produzione del sale

La parte nascosta delle Eolie

Gli elementi morfologici sottomarini delle Isole Eolie

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle