Il contesto

Al centro del commercio nella storia

La presenza umana nell’arcipelago risulta sin da epoca molto antica (5500-4000 a.C.), essendo questo un luogo ricco di vetro vulcanico ( ossidiana ), grazie al quale le Eolie furono al centro di fiorenti rotte commerciali. A partire dal IV millennio a.C., sorsero quindi insediamenti in tutte le isole eccetto Vulcano. Tra il XVI e il XIV secolo a.C. le Eolie diventarono più importanti in quanto poste sulla rotta commerciale dei metalli. Anche nel periodo greco l’Arcipelago rappresentò un punto nodale di scambi tra Estruschi, Cartaginesi e Greci.
OssidianaDurante la prima guerra punica le isole furono teatro degli scontri tra Roma e Cartagine, e Lipari fu conquistata da Roma nel 252. In epoca romana le Eolie divennero centri di commercio dello zolfo, dell’allume e del sale, del vino, delle sardelle e del garum .
Nel IX° secolo l’arcipelago è assaltato e devastato dall’armata araba, che domina la Sicilia in quel periodo. Nell’XI secolo Lipari fu conquistata dai Normanni che costruirono una abbazia benedettina, divenuta con Ruggero II sede vescovile.
Nel 1544, quando la Spagna dichiara guerra alla Francia, il re francese Francesco I chiede aiuto al sultano ottomano, il quale manda una flotta che attacca le isole Eolie, uccidendo e deportando molti dei suoi abitanti. Nel corso dei secoli successivi l’arcipelago venne nuovamente popolato da comunità spagnole, siciliane e del resto d’Italia. Agli inizi del 1800 le isole Eolie vennero scoperte per il loro vino passito DOC, la malvasìa, grazie al commercio della quale l’economia locale fiorì per circa un secolo. In epoca borbonica l’isola di Vulcano venne usata come colonia penale per l’estrazione coatta di allume e zolfo .

Panarea, dove mare e vulcani diventano scultori

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

Pollara, tra poesia e bellezza

L’antica produzione del sale

I sensi raccontano le fumarole del porto di Vulcano

I Faraglioni di Panarea

Storie di mare e naufragi. I relitti delle Isole Eolie

Il laghetto salato di Lingua

Sette isole, decine di vulcani

Come si forma la pomice

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

Il villaggio preistorico di Cala Junco

Stromboli, il vulcano che respira

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

Le Terme di San Calogero

I sensi raccontano i crateri sommitali

Panarea e la sua storia

Filicudi: piccola isola, grande storia

Il villaggio di Capo Graziano

La parte nascosta delle Eolie

Le Eolie, dove è nata la vulcanologia

Lipari al centro della storia del Mediterraneo

Il Gran Cratere de La Fossa: dove il vulcano diventa uno scultore

La Malvasìa delle Lipari DOC

L’eruzione del 2002-03

Filicudi, paradiso sommerso

I crateri sommitali

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

La Sciara del Fuoco

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Vulcano, la più giovane tra le opere d’arte Eoliane

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

Gli elementi morfologici sottomarini delle Isole Eolie