Panarea

I sensi raccontano il villaggio preistorico di Cala Junco

vista
Le rocce a guscio di tartaruga

Scendete dal villaggio alla spiaggetta della baia di Cala Junco, e guardate le pareti di roccia basaltica, molto scure. Queste hanno una particolare conformazione che rende la loro superficie a blocchetti sbalzati, simili a quelli del guscio di una tartaruga.

tatto
Il sale Eoliano

Scendete dal villaggio preistorico alla spiaggia della baia di Cala Junco. Qui vedrete sulla spiaggia dei bei ciottoloni, ben arrotondati dall’andirivieni della corrente marina.
Provate quindi a prenderne uno un po’ più poroso in mano, passatevelo bene nelle mani e poi lasciatelo. Avrete del sale purissimo!

olfatto
Le bouganville e i gelsomini

Il paesino di Panarea, sebbene sia molto piccolo e caratterizzato da piccoli vicoli pedonali, è tra i più curati delle Isole Eolie.
Panarea è stata, infatti, tra le prime isole dell’arcipelago ad essere stata scoperta dal turismo, già a partire dagli anni ’50 dello scorso secolo. Ne deriva che tutte le case del paese sono ormai ristrutturate, sempre seguendo il tipico stile Eoliano.
E tra le piante più comuni tra i vicoli si trovano la bouganville, che troverete di diversi colori, e il gelsomino che, soprattutto di notte, emana un buon profumo.

Il bianco candido delle cave di pomice

Sette isole, decine di vulcani

Da dove arrivano i gas di Vulcano

Il laghetto salato di Lingua

I sensi raccontano il villaggio preistorico di Cala Junco

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Miti e leggende sui vulcani

Filicudi, paradiso sommerso

I crateri sommitali

Sette isole dai diversi volti

Le Eolie, dove si è iniziato a studiare i vulcani

Vulcano, il più famoso vulcano del mondo

Il villaggio preistorico di Cala Junco

Il villaggio di Capo Graziano

La plasticità dei fanghi di Vulcano

I sensi raccontano il laghetto salato di Lingua

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

L’antica produzione del sale

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

I Faraglioni di Panarea

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

Stromboli, il vulcano che respira

Filicudi: piccola isola, grande storia

Pollara, tra poesia e bellezza

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

I sensi raccontano il Castello di Lipari

I sensi raccontano il porto di Vulcano

La parte nascosta delle Eolie

Panarea, l’isola dei Faraglioni

Vino, olio e capperi: capolavori della natura e rampa di lancio dell’economia Eoliana

La Sciara del Fuoco

Al centro del commercio nella storia

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

Le fumarole del porto di Vulcano

Il Gran Cratere de La Fossa

I vulcani