Salina

Pollara, tra poesia e bellezza

Pollara è sicuramente uno dei luoghi dell’isola con più fascino. Si tratta di un piccolo paesino posto su un altipiano a 30 metri sul livello del mare, ed al centro di una baia che conserva le forme e sinuosità che il mare ha scavato nel corso delle ultime decine di migliaia di anni.

baia di pollara
La Baia di Pollara, nell’isola di Salina. La baia di Pollara è circondata da un cordone di montagne di forma semi-circolare, che formano una depressione in basso. In primo piano si vede la scogliera a strapiombo sul mare, di colore giallo ocra. In primissimo piano sulla sinistra l’altra estremità semicircolare della baia di Pollara.

Ecco, quindi, che l’arco di roccia del Perciato , il Faraglione di fronte la baia o la scogliera a strapiombo della Falconiera rappresentano il meglio che l’arcipelago Eoliano può dare in termini naturalistici. Anche agli occhi di un non esperto, la baia di Pollara appare con una forma semicircolare con pareti a strapiombo, tipica di un cratere vulcanico.
Questo luogo è stato infatti teatro degli ultimi eventi eruttivi a Salina, eventi altamente esplosivi ed energetici i cui prodotti piroclastici sono stati ritrovati nelle altre isole dell’arcipelago e nella costa settentrionale siciliana. Negli ultimi 30 anni, il nome di questo piccolo paesino si è legato indissolubilmente a “ Il Postino “, l’ultimo film di Massimo Troisi, che vi ha girato parte delle scene.

Gli elementi morfologici sottomarini delle Isole Eolie

Lipari al centro della storia del Mediterraneo

La Sciara del Fuoco

Le Terme di San Calogero

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

Sette isole, decine di vulcani

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

Pollara, tra poesia e bellezza

Come si forma la pomice

Il villaggio di Capo Graziano

Il villaggio preistorico di Cala Junco

I sensi raccontano i crateri sommitali

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Vulcano, la più giovane tra le opere d’arte Eoliane

Il Gran Cratere de La Fossa: dove il vulcano diventa uno scultore

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

I crateri sommitali

Filicudi: piccola isola, grande storia

Il laghetto salato di Lingua

I Faraglioni di Panarea

La Malvasìa delle Lipari DOC

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Stromboli, il vulcano che respira

Panarea e la sua storia

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

L’antica produzione del sale

Panarea, dove mare e vulcani diventano scultori

La parte nascosta delle Eolie

Le Eolie, dove è nata la vulcanologia

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

L’eruzione del 2002-03

I sensi raccontano le fumarole del porto di Vulcano

Storie di mare e naufragi. I relitti delle Isole Eolie

Filicudi, paradiso sommerso