Lipari

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

La chiesa più antica del Castello è la Cattedrale, dedicata a San Bartolomeo apostolo. Essa si trova al centro del pianoro del Castello, ed è stata costruita dai Normanni tra il 1100 e il 1200. La facciata attuale fu realizzata nel 1861 insieme al campanile, non finito.
La cattedrale normanna faceva parte del convento di quei monaci benedettini, di cui era abate Ambrogio, che il conte Ruggiero aveva stanziato a Lipari nel 1083 anche per ripopolare l’isola rimasta deserta dopo l’incursione araba dell’838.
Di questo Monastero restano visibili, o sono state messe in luce dagli scavi, notevoli parti.La necropoli di Lipari
Kronig, esperto studioso di architettura normanna in Sicilia, ritiene che la costruzione non risalga al 1083 ma sia da attribuire ad un momento successivo, non prima dell’età di Ruggero II ovvero al 1131, grazie sia al confronto tipologico con analoghe abbazie benedettine in Europa sia all’analisi iconografica delle decorazioni dei capitelli , sia infine al sistema di copertura dell’ambulacro del chiostro, realizzato con volte a crociera piuttosto che con capriate lignee , come è invece negli altri chiostri normanni della Sicilia (Monreale, Cefalù).
Della costruzione normanna della Cattedrale si può oggi visitare il chiostro affiancato alla cattedrale sul lato sud. La ricostruzione della nuova cattedrale nella seconda metà del XVI secolo ne ha distrutto tutto il lato nord, ma si conserva l'ambulacro sugli altri tre lati.
L’ambulacro fu costruito con blocchi di pietra, colonne e capitelli recuperati dalle case più antiche di età romana, sia di età medievale. I capitelli sono decorati con figure di animali (colombe, leoni o animali fantastici) e motivi vegetali (fiori e frutti), opera di artigiani calabro-siculi con influenze di tradizione bizantina.

Panarea e la sua storia

Vulcano, la più giovane tra le opere d’arte Eoliane

I crateri sommitali

L’eruzione del 2002-03

Le Eolie, dove è nata la vulcanologia

Il villaggio di Capo Graziano

Sette isole, decine di vulcani

Filicudi: piccola isola, grande storia

Il Gran Cratere de La Fossa: dove il vulcano diventa uno scultore

Stromboli, il vulcano che respira

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

I sensi raccontano le fumarole del porto di Vulcano

Panarea, dove mare e vulcani diventano scultori

Il villaggio preistorico di Cala Junco

Pollara, tra poesia e bellezza

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Le Terme di San Calogero

La parte nascosta delle Eolie

I Faraglioni di Panarea

Lipari al centro della storia del Mediterraneo

La Sciara del Fuoco

Gli elementi morfologici sottomarini delle Isole Eolie

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

Come si forma la pomice

Filicudi, paradiso sommerso

Storie di mare e naufragi. I relitti delle Isole Eolie

Il laghetto salato di Lingua

L’antica produzione del sale

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

I sensi raccontano i crateri sommitali

La Malvasìa delle Lipari DOC

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino