Lipari

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

Ai piedi del Castello, dove oggi si estende la città moderna e all’inizio della contrada Diana, in età greca e romana si sviluppò l’abitato di Lipari.

Della città di età greca purtroppo quasi nulla rimane a causa della distruzione operata dai Romani nel 252 a.C. e dal sovrapporsi delle costruzioni moderne. Della città romana, invece, si conservano resti di case a ridosso delle mura greche visibili nel parco archeologico di contrada Diana e l’argine perimetrale costruito nel I secolo a.C. durante la guerra civile fra Sesto Pompeo e Ottaviano.
Le case come sul Castello, erano raggruppate in isolati delimitati da strade regolari.
Gli scavi archeologici hanno portato alla luce i resti di due cinte murarie greche di fortificazione, una degli inizi del V secolo a.C., l’altra della metà del IV secolo a.C.
In età greca la necròpoli di Lipari si trovava fuori dalle mura di cinta poiché era costume dei Greci e in seguito anche dei Romani seppellire i morti al di fuori della città. La necròpoli si estendeva nella piana di Diana. Sono state rinvenute quasi 3000 tombe. Erano disposte in filari su più livelli: le tombe di età più recente si sono sovrapposte a quelle più antiche, talvolta fino ad arrivare a quattro strati.

Vulcano, la più giovane tra le opere d’arte Eoliane

Gli elementi morfologici sottomarini delle Isole Eolie

Panarea e la sua storia

Filicudi: piccola isola, grande storia

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Filicudi, paradiso sommerso

Stromboli, il vulcano che respira

I Faraglioni di Panarea

I crateri sommitali

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

Il Gran Cratere de La Fossa: dove il vulcano diventa uno scultore

L’antica produzione del sale

La Malvasìa delle Lipari DOC

Lipari al centro della storia del Mediterraneo

Come si forma la pomice

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

Pollara, tra poesia e bellezza

L’eruzione del 2002-03

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

Storie di mare e naufragi. I relitti delle Isole Eolie

Il laghetto salato di Lingua

La parte nascosta delle Eolie

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

Panarea, dove mare e vulcani diventano scultori

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Le Terme di San Calogero

I sensi raccontano i crateri sommitali

La Sciara del Fuoco

Sette isole, decine di vulcani

Le Eolie, dove è nata la vulcanologia

Il villaggio preistorico di Cala Junco

Il villaggio di Capo Graziano

I sensi raccontano le fumarole del porto di Vulcano