Salina

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

Salina è la seconda isola delle Eolie per estensione e popolazione. Come sempre accade all’interno dell’arcipelago, questa isola è completamente diversa dalle altre, mostrando caratteristiche uniche che ne fanno un mondo a parte. Salina è infatti costituita da due montagne, il Monte Fossa delle Felci e il Monte dei Porri, aventi simile altezza (rispettivamente 964 e 867 metri), che le ha fatto attribuire dai greci il nome di Dydyme, ossia l’isola dalle montagne gemelle.

Le quote raggiunte dai due monti e l’estrema fertilità dei loro suoli vulcanici l’hanno resa la più verde tra tutte le Eolie. Questa è la prima cosa di cui ci si stupisce appena arrivati, vedendo immensi boschi di pino, castagno e querce ornare la cima arrotondata del Monte Fossa delle Felci.
Tale aspetto è anche facilitato dal fatto che l’isola di Salina, al contrario di Vulcano, Lipari e Stromboli, non ha alcun sistema vulcanico attualmente attivo. La parte dell’isola al di sopra del livello del mare si è formata a partire da 220000 anni fa, e l’attività vulcanica si è sviluppata in maniera piuttosto continuativa fino a circa 13000 anni fa attraverso lo sviluppo di 6 sistemi vulcanici differenti.
Salina è l’unica dell’arcipelago a non appartenere al Comune di Lipari; anzi, sull’isola si trovano tre differenti comuni, eredità di differenti usi, costumi e tradizioni in un momento in cui anche spostarsi sull’isola poteva rappresentare un lungo viaggio. Salina è famosa in tutto il mondo per i capperi e la malvasia , che raggiungono l’eccellenza come qualità, cultura e storia delle tradizioni di lavorazione.

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

I sensi raccontano il Castello di Lipari

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

I vulcani

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

Stromboli, il vulcano che respira

I crateri sommitali

Da dove arrivano i gas di Vulcano

Filicudi: piccola isola, grande storia

Il villaggio di Capo Graziano

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Panarea, l’isola dei Faraglioni

Le Eolie, dove si è iniziato a studiare i vulcani

Sette isole, decine di vulcani

Il laghetto salato di Lingua

Pollara, tra poesia e bellezza

Miti e leggende sui vulcani

I sensi raccontano il villaggio preistorico di Cala Junco

La Sciara del Fuoco

Vulcano, il più famoso vulcano del mondo

La parte nascosta delle Eolie

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

Vino, olio e capperi: capolavori della natura e rampa di lancio dell’economia Eoliana

Al centro del commercio nella storia

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Il Gran Cratere de La Fossa

Le fumarole del porto di Vulcano

I sensi raccontano il laghetto salato di Lingua

Sette isole dai diversi volti

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

Filicudi, paradiso sommerso

I sensi raccontano il porto di Vulcano

Il villaggio preistorico di Cala Junco

L’antica produzione del sale

I Faraglioni di Panarea

Il bianco candido delle cave di pomice