Salina

La Malvasìa delle Lipari DOC

Il suo nome deriva da Monemvasia, una città greca del Peloponneso meridionale.
Secondo altre versioni, il termine deriverebbe invece da Malta, dove originariamente nacque la produzione di questo vino. I romani trasportavano la Malvasìa in anfore fino alla capitale: gli imperatori ne andavano ghiotti.
Nel Medioevo la Malvasìa si diffuse in Inghilterra, e ben presto in tutta Europa.
La Malvasìa è un vitigno e, insieme al Moscato, uno dei più antichi. Nella versione eoliana, in particolare di Salina, dal vitigno si ottiene un buon vino ambrato dal sapore dolce.
La Malvasìa delle Lipari DOC, il cui 95% della produzione è incentrato proprio a Salina, è un vino dolce, che deriva dall’appassimento degli acini. Una volta fatta la vendemmia, l’uva di malvasìa viene messa su delle “ cannizze ” e fatta appassire per 1 o 2 settimane sotto il sole.
uva di malvasia
In questo modo, l’acino perde la maggior parte della sua acqua ed aumenta il residuo zuccherino.
L’uva viene quindi pigiata e messa a fermentare. Il risultato è un vino dolce, ma fresco e non stucchevole, dal colore ambrato e dalla gradazione alcolica tra 13° e 15°.
La Malvasìa si beve fresca quindi il consiglio è di tenerla in frigorifero prima di servirla.
In cucina, questo vino viene utilizzato al naturale, accompagnato al dessert, ma anche declinato in modo creativo, ad esempio abbinato ai calamari farciti.

Pollara, tra poesia e bellezza

I sensi raccontano i crateri sommitali

Panarea e la sua storia

Gli elementi morfologici sottomarini delle Isole Eolie

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

La Malvasìa delle Lipari DOC

L’antica produzione del sale

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Panarea, dove mare e vulcani diventano scultori

Sette isole, decine di vulcani

Le Eolie, dove è nata la vulcanologia

La Sciara del Fuoco

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

Il Gran Cratere de La Fossa: dove il vulcano diventa uno scultore

La parte nascosta delle Eolie

Stromboli, il vulcano che respira

I sensi raccontano le fumarole del porto di Vulcano

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

I Faraglioni di Panarea

L’eruzione del 2002-03

Il villaggio di Capo Graziano

Storie di mare e naufragi. I relitti delle Isole Eolie

Vulcano, la più giovane tra le opere d’arte Eoliane

Il laghetto salato di Lingua

I crateri sommitali

Lipari al centro della storia del Mediterraneo

Le Terme di San Calogero

Come si forma la pomice

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Filicudi: piccola isola, grande storia

Filicudi, paradiso sommerso

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

Il villaggio preistorico di Cala Junco