Salina

L’antica produzione del sale

Presso il laghetto naturale di Lingua si conservano i resti di un antico impianto produttivo per il sale, da cui prende nome l’isola di Salina.
Le testimonianze più significative risalgono alla prima età imperiale romana, ossia al secolo I-II d.C., di cui rimangono la parte inferiore dei muri divisori, costruiti con la tecnica dell’ opus reticulatum , ed il pavimento, costituito da un suolo di calce magra e ghiaietto.
L’antica salina sfrutta questa naturale insenatura creatasi nella parte sud-orientale dell’isola.
Vi era un collegamento con il mare circostante, che andava a riempire le vasche, che venivano quindi isolate e fatte asciugare fino alla deposizione del sale.
Per ogni litro di acqua di mare si possono avere circa 31 grammi di sale marino purissimo.
Tale tecnica non è stata più utilizzata a partire dal XVIII secolo con l’avvento della rivoluzione industriale, sostituita da tecniche e tecnologie molto meno faticose e costose.
Il laghetto si è quindi pian piano riempito di acqua fino allo stato attuale, in cui è esattamente al livello del mare. Esso risulta però ancora perfettamente isolato, acquisendo le caratteristiche di un acquitrino, sito protetto ed importante per l’avifauna.

La parte nascosta delle Eolie

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

Il laghetto salato di Lingua

Il villaggio preistorico di Cala Junco

Lipari al centro della storia del Mediterraneo

Come si forma la pomice

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

Alicudi, dove il tempo si è fermato

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

Stromboli, il vulcano che respira

Gli elementi morfologici sottomarini delle Isole Eolie

Il villaggio di Capo Graziano

Le Terme di San Calogero

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Pollara, tra poesia e bellezza

Filicudi, paradiso sommerso

Panarea e la sua storia

Storie di mare e naufragi. I relitti delle Isole Eolie

L’eruzione del 2002-03

Il Gran Cratere de La Fossa: dove il vulcano diventa uno scultore

I sensi raccontano i crateri sommitali

I sensi raccontano le fumarole del porto di Vulcano

La Malvasìa delle Lipari DOC

Vulcano, la più giovane tra le opere d’arte Eoliane

I Faraglioni di Panarea

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

Filicudi: piccola isola, grande storia

Le Eolie, dove è nata la vulcanologia

Panarea, dove mare e vulcani diventano scultori

I crateri sommitali

Sette isole, decine di vulcani

La Sciara del Fuoco

L’antica produzione del sale