Stromboli

L’eruzione del 2002-03

La Sciara del Fuoco, almeno durante gli ultimi 2000 anni, è l’unico luogo dove si vanno accumulando i prodotti delle esplosioni dei crateri sommitali dello Stromboli.
Questi ultimi infatti non sono perfettamente al centro del cono vulcanico, ma si trovano un po’ più spostati verso nord, proprio alla sommità Sciara del Fuoco. Essendo un pendìo molto ripido, blocchi, bombe e lapilli, emessi durante le esplosioni rotolano e ricadono a mare.
La stessa cosa però accade anche quando si ha l’emissione di una o più colate laviche dai crateri sommitali: esse cominciano a fluire al di sopra del materiale sciolto della Sciara, spesso arrivando fino a mare. Al di sotto del pelo della superficie marina, il vulcano mantiene la sua forma conica, e quindi i prodotti possono continuare a “rotolare” o sprofondare lentamente.
Ciò è accaduto durante le eruzioni del 2002-03, 2007 e 2014. L’eruzione del 2002-03 dello Stromboli rappresenta però un punto di svolta nella percezione di rischio vulcanico, almeno per questo vulcano.
Negli ultimi giorni del 2002 infatti, una colata lavica era fluita al di sopra della Sciara del Fuoco, arrivando fino a mare e quindi continuando a sprofondare nella parte sommersa della Sciara.
Tuttavia, se si prova a mettere un corpo rigido e molto pesante al di sopra di un pendìo molto ripido e costituito da sabbioni e materiale sciolto, quello che ci si aspetta è che questo prima o poi frani.
Questa situazione si è verificata il 30 dicembre 2002, quando un grosso blocco della Sciara del Fuoco al di sotto del livello del mare è franato, tirando con sé anche una parte della Sciara posta al di sopra.
Tale frana ha generato un piccolo tsunami , che ha invaso il lungomare del paese di Stromboli, ma che è stato registrato anche lungo le coste tirreniche della Calabria e della Sicilia.

Storie di mare e naufragi. I relitti delle Isole Eolie

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Le Terme di San Calogero

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

La Sciara del Fuoco

Sette isole, decine di vulcani

I crateri sommitali

Filicudi: piccola isola, grande storia

I sensi raccontano i crateri sommitali

Pollara, tra poesia e bellezza

La Malvasìa delle Lipari DOC

Gli elementi morfologici sottomarini delle Isole Eolie

Stromboli, il vulcano che respira

Il villaggio di Capo Graziano

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

Il laghetto salato di Lingua

La parte nascosta delle Eolie

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

Panarea e la sua storia

Panarea, dove mare e vulcani diventano scultori

Le Eolie, dove è nata la vulcanologia

Come si forma la pomice

Filicudi, paradiso sommerso

Lipari al centro della storia del Mediterraneo

I sensi raccontano le fumarole del porto di Vulcano

L’eruzione del 2002-03

Vulcano, la più giovane tra le opere d’arte Eoliane

L’antica produzione del sale

I Faraglioni di Panarea

Il Gran Cratere de La Fossa: dove il vulcano diventa uno scultore

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

Il villaggio preistorico di Cala Junco