Panarea

Panarea, l’isola dei Faraglioni

Panarea è l’isola più piccola dell’arcipelago per estensione, ma probabilmente quella con più fascino per le sue bellezze naturalistiche. Panarea non è infatti l’isola in sé stessa, ma è anche l’insieme di tanti isolotti e scogli dalle forme e colori fantastici. Da un punto di vista geologico, Panarea è la più antica dell’arcipelago, avendo prodotti datati a oltre 330000 anni fa.

Il suo edificio vulcanico è parzialmente collassato in mare nella sua parte occidentale e settentrionale, con il risultato di pendii scoscesi inabitabili sull’isola rimanente.
La parte restante dell’isola, quella orientale e meridionale, ha parti pianeggianti.
L’altezza di quello che resta del cono vulcanico è di 421 metri. Il cono vulcanico presenta resti di crateri laterali formatisi nel tempo. Sono meravigliosi gli speroni rocciosi di Spinazzola, Basiluzzo, Panarelli, Dattilo, Lisca Bianca, Bottaro, Lisca Nera e i Formiconi.
Non fatevi però ingannare dalle piccole dimensioni dell’isola. In realtà sotto il livello del mare l'isola è molto più estesa . Le forme attuali sono il risultato di tanti sprofondamenti calderici ed esplosioni durante le ultime fasi della sua attività eruttiva.
Il paese di Panarea ha dimensioni veramente ridotte, ed è costituito da una serie di vicoli ben curati e fioriti, che collegano le varie parti dell’abitato e le spiagge. Nell’antichità si ritrovano diversi nomi per Panarea: Euonymos (che sta a sinistra, andando da Lipari verso Sicilia) e Hycesia (la supplice). Poi è apparso Panaraion (la distrutta) per passare poi a Pagnaria (la maledetta), quindi a Panaria ed infine a Panarea.

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Il villaggio di Capo Graziano

I vulcani

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

La Sciara del Fuoco

I sensi raccontano il laghetto salato di Lingua

L’antica produzione del sale

Vulcano, il più famoso vulcano del mondo

I sensi raccontano il Castello di Lipari

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

La parte nascosta delle Eolie

Le fumarole del porto di Vulcano

Da dove arrivano i gas di Vulcano

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

Il villaggio preistorico di Cala Junco

Alicudi, dove il tempo si è fermato

Filicudi: piccola isola, grande storia

Vino, olio e capperi: capolavori della natura e rampa di lancio dell’economia Eoliana

Filicudi, paradiso sommerso

Panarea, l’isola dei Faraglioni

Sette isole dai diversi volti

I Faraglioni di Panarea

Il Gran Cratere de La Fossa

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

Il laghetto salato di Lingua

Al centro del commercio nella storia

Sette isole, decine di vulcani

Stromboli, il vulcano che respira

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

I sensi raccontano il porto di Vulcano

Il bianco candido delle cave di pomice

I sensi raccontano il villaggio preistorico di Cala Junco

I crateri sommitali

Pollara, tra poesia e bellezza

Miti e leggende sui vulcani

Le Eolie, dove si è iniziato a studiare i vulcani