Vulcano

Miti e leggende sui vulcani

La mitologia greca collocò nell’antro dei vulcani l’ officina di Efesto : gli strani rumori che si sentivano nelle caverne dell’isola di Vulcano erano il rombo dei martelli ed il crepitio del fuoco dell’officina del dio.
In età cristiana, invece, si pensò alle strida ed ai gemiti dei dannati provenienti dall’Inferno.
Per San Gregorio Magno i vulcani delle Eolie erano le porte degli Inferi, le bocche eruttanti il fuoco dei tormenti che Dio rende visibili agli uomini, per spaventarli e portarli a seguire la via della salvezza.
Nacquero, quindi, intorno ai vulcani delle Eolie numerose leggende.
Una delle più famose è quella dell’eremita di Lipari narrata dallo stesso San Gregorio Magno.
L’uomo che viveva in solitudine, lo stesso giorno della morte di Teodorico, nel 526 d.C., avrebbe visto l’anima del re Goto, discinto, scalzo e con le mani legate, gettata nel cratere di Vulcano dal Papa Giovanni e dal Patrizio di nome Simmaco che egli aveva fatto uccidere.
Carlo Martello nel 741 d.C. che aveva arrestato a Poitiers l’invasione musulmana e salvata la civiltà europea, sarebbe finito nel cratere dello Stromboli.
San Pier Damiani narra, nella vita di Sant’Odilone, abate del monastero di Cluny in Borgogna (vissuto tra l’800 e l’850 d.C.), che un religioso dell’Aquitania, tornando da un pellegrinaggio in Terrasanta, dovette rifugiarsi a Vulcano a causa di una tempesta. Qui trovò un vecchio eremita che udiva questi gemiti ed anche i lamenti delle anime che venivano tormentate dai diavoli, i quali si arrabbiavano quando qualche anima era tolta loro, a causa delle preghiere e delle elemosine da parte dei vivi.
Il religioso, tornato in Francia, riferì ciò a Sant’Odilone, il quale dispose allora che in tutti i conventi dell’ordine benedettino ci si dedicasse alla commemorazione dei defunti il giorno successivo a quello in cui si onorano tutti i Santi. Nacque così la festa del 2 novembre che ancora oggi viene universalmente celebrata.

Il bianco candido delle cave di pomice

Pollara, tra poesia e bellezza

I sensi raccontano il porto di Vulcano

Sette isole, decine di vulcani

La Cattedrale di Lipari e il chiostro Normanno del Monastero Benedettino

La parte nascosta delle Eolie

Il laghetto salato di Lingua

Panarea, l’isola dei Faraglioni

La Sciara del Fuoco

La plasticità dei fanghi di Vulcano

Filicudi: piccola isola, grande storia

Il villaggio preistorico di Cala Junco

Filicudi, paradiso sommerso

Le fumarole del porto di Vulcano

Alicudi, dove il tempo si è fermato

I sensi raccontano il Castello di Lipari

Al centro del commercio nella storia

Stromboli, il vulcano che respira

I sensi raccontano il villaggio preistorico di Cala Junco

Vulcano, il più famoso vulcano del mondo

I Faraglioni di Panarea

L’antica produzione del sale

Sette isole dai diversi volti

Salina, l’isola verde dalle montagne gemelle

Il Gran Cratere de La Fossa

Il Castello di Lipari, “fuso” con la lava

La pòlis dei vivi e la necròpolis dei morti

I vulcani

Da dove arrivano i gas di Vulcano

Il villaggio di Capo Graziano

I crateri sommitali

Miti e leggende sui vulcani

I sensi raccontano il laghetto salato di Lingua

Le Eolie, dove si è iniziato a studiare i vulcani

Lipari, dove la storia si intreccia con i vulcani creando l’archeologia

I sensi raccontano i Faraglioni di Panarea

Vino, olio e capperi: capolavori della natura e rampa di lancio dell’economia Eoliana