Ortigia

La Cattedrale di Siracusa

Il Duomo, nel cuore di Ortigia, rappresenta l’emblema della città. Fu edificato in età bizantina sfruttando la solida struttura del tempio greco di Atena.
Come già si intuisce dalla sua particolare genesi, il Duomo è un complesso architettonico in cui ogni pietra racconta un momento storico differente. La facciata della cattedrale, ricostruita nel corso del ‘700 dopo il terremoto, è opera dell’architetto Andrea Palma.

La facciata della cattedrale di Siracusa
Il Duomo di Siracusa è l’edificio principale della piazza, la sua facciata rappresenta un prezioso esempio di barocco siciliano. L’unicità di questa chiesa risiede nel fatto che per la sua costruzione, è stata riutilizzata e adeguata la struttura dell’antico tempio greco di Atena. Le colonne del tempio sono ancora oggi visibili sia all’interno che sulla facciata laterale sinistra. La facciata della cattedrale è costruita su due piani, detti “ordini”, suddivisi da grosse colonne: quattro nella parte superiore e sei nella parte inferiore. Al centro della facciata sono rappresentati lo stemma reale con l’aquila, simbolo di Carlo III di Borbone e lo stemma del vescovo Tommaso Marini. Nella parte superiore, una nicchia ospita una statua della Vergine Maria, a cui è dedicata la Chiesa. La facciata è preceduta da un’elegante gradinata composta da sette alzate. Ai lati delle scale sono presenti, sopra un basamento di circa 2 metri, due statue di marmo a grandezza naturale, che raffigurano gli apostoli Pietro e Paolo.

Essa è composta da due ordini orizzontali separati da una trabeazione : il piano inferiore è scandito da sei possenti colonne dal capitello corinzio ; mentre l’ordine superiore è suddiviso da quattro colonne che sostengono il timpano . Al centro, il frontone curvilineo accoglie lo stemma reale con l’aquila, simbolo di Carlo III di Borbone e lo stemma del vescovo Tommaso Marini.Stemma Reale aquilaL’ordine superiore della facciata ospita, all’interno di una nicchia, la rappresentazione in pietra calcarea della Vergine Maria, a cui è dedicata la chiesa.Nicchia Vergine MariaAi lati, accanto alle volute con le palme, le statue di san Marciano, primo vescovo di Siracusa e della patrona santa Lucia, opera dello scultore Ignazio Marabitti , dominano la facciata.
Sulla parte sommitale della facciata, tre angeli scolpiti giocano insieme placidamente, tirando tra di loro una ghirlanda fiorita. Il sagrato della Chiesa è preceduto da un’elegante gradinata, fiancheggiata dalle statue marmoree degli apostoli Pietro e Paolo.
San Paolo San Pietro

La Neàpolis dal passato a oggi

L’architettura della Piazza

Tempio di Apollo

Piazza del Duomo: un luogo sacro degli antichi greci

Cripta di San Marciano

Ortigia. La Venere che sorge dalle acque del mare

La Siracusa romana, potenza militare grazie al genio di Archimede

La fortificazione spagnola

Gli spettacoli gladiatori

La Cattedrale di Siracusa

L’Orecchio di Dionìsio e la Grotta dei Cordari

Il Museion e la grotta del Ninfèo

Luogo di incontro di mari e civiltà

L’Anfiteatro romano

La chiesa di San Giovanni alle Catacombe

Ebrei popolo errante

Pantalica: dove la natura e la storia si fondono

La Cultura di Pantalica

La Giudècca, il cuore ebraico nascosto di Siracusa

Nel regno del re Hyblon: Pantalica tra storia e leggenda

Il Castello Eurìalo

I bagni ebraici: il miqveh di Casa Blanca

Le funzioni del Castel Maniace

Le catacombe di San Giovanni

Siracusa durante la tirannide di Dionigi

Il Teatro Greco di Siracusa

L’Athènaion del tiranno Gelóne

Tracce del Cristianesimo a Siracusa

Il Castello Maniace

La Chiesa di Santa Lucia alla Badia

Le mura Dionigiane: un capolavoro di ingegneria greca

Pantalica bizantina

L’ara di Ieróne II: luogo di sangue e di fuoco

Leggende e magici echi nelle Latomìe di Siracusa

L’interno del Duomo di Ortigia

Il significato culturale della tragedia

Le Venationes

Il Palazzo del Senato