Il sistema delle fortificazioni dalla terra al mare

Le mura Dionigiane: un capolavoro di ingegneria greca

Le mura dionigiane sono una cinta muraria costruita tra il 402 a.C. e il 397 a.C. per volere del tiranno Dionìsio I, con lo scopo di fortificare il pianoro dell’Epipoli di Siracusa.
Le mura cingevano completamente l’antica città, seguendo una curiosa forma a triangolo isoscele, la cui base era la costa siracusana, e il vertice era un punto chiamato Euryalos, ovvero “chiodo”.
Dionigi, raffinato stratega, aveva intuito la vulnerabilità della città aretusea, la cui posizione geografica si prestava ad attacchi improvvisi dai nemici sia da terra che da mare. Inoltre, il pianòro, sopraelevato rispetto alla città, rappresentava un pericolo alla luce della costante minaccia cartaginese.
La strategia difensiva del tiranno prevedeva, dunque, l’opera di ingegneria bellica più imponente costruita a Siracusa in epoca greca: una cinta muraria lunga 27 chilometri, dotata di massicce torri che servivano come punti di osservazione.
Nel punto più debole, l’Eurialo, fu dedicato il massimo impegno nella fortificazione, grazie alla costruzione di un mastodontico castello. Questa impresa architettonica fu ampiamente documentata da Diodòro Siculo che riportò l’impegno e la rapidità delle maestranze nel realizzare l’opera nella massima segretezza e nel più breve tempo possibile. Dalle Latomìe vennero estratti cinque milioni di tonnellate di blocchi di calcare per la realizzazione delle poderose mura.
La cinta fortificata comprendeva numerose porte e passaggi segreti che consentivano nascondigli ed agguati, mentre grandi porte permettevano l’accesso alla città. L’esempio delle mura siracusane fu ineguagliato nell’antichità ed è paragonabile soltanto alle lunghe mura ateniesi di Temìstocle e alle mura aureliane a Roma. La cinta muraria è oggi testimoniata soltanto dal letto di fondazione, mentre resti dell’alzato sono sopravvissuti soltanto in prossimità del castello.

L’ara di Ieróne II: luogo di sangue e di fuoco

La Giudècca, il cuore ebraico nascosto di Siracusa

Siracusa durante la tirannide di Dionigi

L’Anfiteatro romano

La Neàpolis dal passato a oggi

L’Athènaion del tiranno Gelóne

La chiesa di San Giovanni alle Catacombe

Gli spettacoli gladiatori

L’architettura della Piazza

Le catacombe di San Giovanni

Ortigia. La Venere che sorge dalle acque del mare

Il Museion e la grotta del Ninfèo

La Siracusa romana, potenza militare grazie al genio di Archimede

Ebrei popolo errante

Luogo di incontro di mari e civiltà

Le funzioni del Castel Maniace

I bagni ebraici: il miqveh di Casa Blanca

La fortificazione spagnola

Cripta di San Marciano

Il significato culturale della tragedia

Le Venationes

Le mura Dionigiane: un capolavoro di ingegneria greca

Nel regno del re Hyblon: Pantalica tra storia e leggenda

La Chiesa di Santa Lucia alla Badia

L’interno del Duomo di Ortigia

Il Castello Eurìalo

Piazza del Duomo: un luogo sacro degli antichi greci

Leggende e magici echi nelle Latomìe di Siracusa

La Cattedrale di Siracusa

Pantalica: dove la natura e la storia si fondono

Il Teatro Greco di Siracusa

Tempio di Apollo

L’Orecchio di Dionìsio e la Grotta dei Cordari

Il Palazzo del Senato

Tracce del Cristianesimo a Siracusa

Il Castello Maniace

Pantalica bizantina

La Cultura di Pantalica