Ortigia

I sensi raccontano il Tempio di Apollo

tatto
La “giuggiulena”: un materiale da costruzione

Giuggiulena” è un termine dialettale utilizzato dai siciliani per indicare la pietra bianca di Siracusa: una roccia sedimentaria tipica delle cave dei Monti Iblei.
Questa tipologia di pietra si forma nel Miocene (era geologica iniziata circa 20 milioni di anni fa). La sua colorazione è stata definita con più gradazioni che vanno dal bianco al giallo: beige, ocra, giallognolo.

gusto
La “giuggiulena”, un dolce tipico siracusano

La “giuggiulena” non è soltanto un tipico materiale da costruzione. Questo termine viene impiegato anche per indicare un delizioso dolce siracusano: un croccante preparato con miele, zucchero, un ripieno di mandorle e semi di sesamo, sagomato a forma di rombo o di rettangolo.
La giuggiulena

vista
Quando i templi erano a colori

In tempi antichi, i templi greci non presentavano soltanto il pallore del marmo e la scabra superficie della terracotta che vediamo oggi a causa dell’azione abrasiva dei millenni.
ricostruzione Tempio di Apollo
Essi erano, invece, decorati con colori sgargianti ottenuti con il cinabro, l’ocra o il solfuro di mercurio, e molti altri pigmenti già noti e utilizzati dai Greci. Le decorazioni degli edifici sacri erano vivaci e complesse: con motivi a treccia, a petalo e a meandro.
Il meandro, ad esempio, anche detto “la greca”, è un bordo decorativo costruito a partire da una linea continua ripiegata a formare un motivo ripetuto. Il nome meandro richiama il tortuoso letto del fiume Meandro in Turchia.

Il Castello Maniace

Nel regno del re Hyblon: Pantalica tra storia e leggenda

Le funzioni del Castel Maniace

Tracce del Cristianesimo a Siracusa

Le Venationes

Il Castello Eurìalo

La Giudècca, il cuore ebraico nascosto di Siracusa

L’Athènaion del tiranno Gelóne

La Chiesa di Santa Lucia alla Badia

Il Palazzo del Senato

Siracusa durante la tirannide di Dionigi

L’interno del Duomo di Ortigia

La fortificazione spagnola

L’Orecchio di Dionìsio e la Grotta dei Cordari

La Cultura di Pantalica

Il Teatro Greco di Siracusa

L’ara di Ieróne II: luogo di sangue e di fuoco

Ortigia. La Venere che sorge dalle acque del mare

L’architettura della Piazza

Il Museion e la grotta del Ninfèo

La Siracusa romana, potenza militare grazie al genio di Archimede

Ebrei popolo errante

Luogo di incontro di mari e civiltà

La chiesa di San Giovanni alle Catacombe

Tempio di Apollo

Le catacombe di San Giovanni

I bagni ebraici: il miqveh di Casa Blanca

Gli spettacoli gladiatori

L’Anfiteatro romano

Leggende e magici echi nelle Latomìe di Siracusa

La Cattedrale di Siracusa

Pantalica bizantina

Cripta di San Marciano

La Neàpolis dal passato a oggi

Piazza del Duomo: un luogo sacro degli antichi greci

Le mura Dionigiane: un capolavoro di ingegneria greca

Il significato culturale della tragedia

Pantalica: dove la natura e la storia si fondono