Ortigia

I sensi raccontano Ortigia

olfatto
Ortigia e il profumo di mare

Un luogo come Ortigia, un isolotto di terra circondato dall’acqua, non può che essere associato all’odore del mare.
Un aroma di freschezza riempie il naso di chi giunge su questa terra, mescolato agli odori di salsedine, alghe e pesce. Essenze capaci di evocare forti sensazioni e idee astratte: il viaggio, l’avventura, la stagione estiva, il vento.Lungomare Ortigia

tatto
Le “piumose” piante di papiro

Tra le acque della Fonte Aretusa è possibile ammirare la pianta del papiro, una pianta acquatica che proviene dall’Egitto, composta da un fusto sottile, duro e legnoso.Papiri fonte AretusaSu di esso spiccano delle infiorescenze con raggi lunghi dai 10 ai 30 centimetri, che portano delle spighe dal colore paglierino. Se si passa la mano attraverso la folta piantagione, questi numerosissimi rami filiformi appariranno morbidi e piumosi.

gusto
La “cuccìa”, un dolce per Santa Lucia

Nei giorni in cui si festeggia la patrona della città, Santa Lucia, sulle tavole dei siracusani non può mancare la “cuccìa”: un dolce tipico siciliano a base di grano bollito e ricotta di pecora o crema di latte, bianca o al cioccolato. A questi ingredienti si uniscono frutta candita, cannella, pezzetti di cioccolato e scorza di arancia grattugiata.
Cuccìa

vista
Quando i templi erano a colori

Anticamente i templi greci non presentavano soltanto il pallore del marmo e la superficie di terracotta che vediamo oggi a causa del passare dei secoli.
Questi edifici erano in origine decorati con colori vivaci ottenuti con il cinabro, l’ocra o il solfuro di mercurio, e molti altri colori già noti e utilizzati nell’antichità. Le decorazioni dei templi sacri erano raffinate e complesse: con motivi geometrici, a treccia o a petalo.Templi a colori

Neàpolis e l’elemento acqua. Il Ninfèo

Neàpolis e l’elemento terra. I luoghi dello spettacolo: il teatro greco e l’anfiteatro romano

Pantalica e il fuoco. L’età dei metalli: oggetti della cultura di Pantalica

L’interno della Cattedrale di Siracusa

La Giudècca

La natura nella Neàpolis

Un viaggio a Pantalica

Le naumachie: battaglie navali al teatro

La Giudècca e il fuoco. La cucina nella religione ebraica

Ortigia e il fuoco. Archimede e l’invenzione degli specchi ustori

Ortigia e l’elemento terra. La piazza del Duomo: alla scoperta delle origini

Pantalica e l’aria. Nel cielo di Pantalica: dai falchi ai pipistrelli

La Giudècca e l’elemento terra. Tra giardini e botteghe artigiane

La Neàpolis

Neàpolis e il fuoco. L’Altare di Ierone e il fuoco sacrificale

Ortigia e l’elemento aria. Gli dei dell’Olimpo e il tempio di Apollo.

La Cattedrale di Siracusa

La Neàpolis e l’elemento aria. L’Orecchio di Dionisio

Pantalica e l’elemento terra

La Giudècca e l’aria. La Basilica di S. Giovannello

La fontana di Diana in Piazza Archimede

La Giudècca e l’acqua. I bagni rituali: il Miqweh di Casa Blanca

Ortigia e l’acqua. La Fonte Aretusa

Pantalica e l’acqua: il Mito del Fiume Ànapo