La Giudècca

La Giudècca e l’aria. La Basilica di S. Giovannello

Alla Giudècca l’elemento dell’aria è legato ad una spettacolare chiesa a cielo aperto, che un tempo era la sinagoga del quartiere ebraico: la basilica di San Giovanni Battista, chiamata chiesa di San Giovannello, che si trova in piazza del Precursore.
L’origine della sinagoga è attestata dai documenti d’archivio e dal ritrovamento di due iscrizioni in ebraico oggi murate, una nell’àbside e l’altra nell’attigua Casa Bianca. Il luogo di preghiera della comunità ebraica di Siracusa fu, successivamente, convertito in chiesa cristiana. La facciata in pietra è stata costruita nel 1380. Essa presenta un bellissimo portale e un rosone .

Chiesa San Giovannello
La facciata della Basilica di S. Giovannello, costruita nel 1380, presenta un ampio portale e un rosone, una grande finestra di forma circolare. La sua particolarità risiede nel fatto che il portale, il rosone e la parte più alta della facciata non sono allineati sullo stesso asse verticale e per questo, potrebbero disorientare chi osserva la chiesa dall’esterno. Questa caratteristica è dovuta al fatto che la basilica ha subito nel corso dei secoli molte modifiche ed è stata utilizzata per scopi differenti. Probabilmente l’aggiunta dei due elementi, il portale e il rosone, risale dunque a periodi storici differenti. Sulla sinistra spiccano in alto due celle campanarie. La chiesa appare oggi a cielo aperto, senza tetto. La parte interna ha la forma di una croce ed è suddivisa in tre aree, chiamate “navate”, grazie alla presenza di colonne e archi.

Il portale, il rosone e l’apice della facciata non sono allineati sullo stesso asse verticale e per questo, potrebbero disorientare chi osserva la chiesa dall’esterno. Questa particolarità è dovuta al fatto che la basilica ha subìto nel corso dei secoli molte modifiche ed è stata utilizzata per scopi differenti. Probabilmente l’aggiunta dei due elementi, il portale e il rosone, risale dunque a periodi storici differenti. Sulla sinistra spiccano in alto due celle campanarie. La chiesa appare oggi a cielo aperto, senza tetto, l’interno ha la forma di una croce ed è diviso in tre aree, chiamate “navate“, le quali sono separate da colonne e da archi.

La Cattedrale di Siracusa

Le naumachie: battaglie navali al teatro

La Neàpolis

Pantalica e il fuoco. L’età dei metalli: oggetti della cultura di Pantalica

La Neàpolis e l’elemento aria. L’Orecchio di Dionisio

La natura nella Neàpolis

Neàpolis e l’elemento terra. I luoghi dello spettacolo: il teatro greco e l’anfiteatro romano

La Giudècca e l’aria. La Basilica di S. Giovannello

Ortigia e il fuoco. Archimede e l’invenzione degli specchi ustori

Neàpolis e l’elemento acqua. Il Ninfèo

La Giudècca e il fuoco. La cucina nella religione ebraica

Ortigia e l’elemento aria. Gli dei dell’Olimpo e il tempio di Apollo.

Ortigia e l’elemento terra. La piazza del Duomo: alla scoperta delle origini

Un viaggio a Pantalica

L’interno della Cattedrale di Siracusa

Pantalica e l’acqua: il Mito del Fiume Ànapo

La Giudècca

La Giudècca e l’acqua. I bagni rituali: il Miqweh di Casa Blanca

La Giudècca e l’elemento terra. Tra giardini e botteghe artigiane

Ortigia e l’acqua. La Fonte Aretusa

Pantalica e l’aria. Nel cielo di Pantalica: dai falchi ai pipistrelli

Neàpolis e il fuoco. L’Altare di Ierone e il fuoco sacrificale

Pantalica e l’elemento terra

La fontana di Diana in Piazza Archimede