La Neàpolis

I sensi raccontano l’Anfiteatro romano

gusto
La gladiatoria sagina, la dieta dei gladiatori

All’interno delle familiae, gestite dai cosiddetti ludisti, i gladiatori dovevano seguire la gladiatoria sagina: un’alimentazione soddisfacente, evidentemente finalizzata a migliorare le loro prestazioni fisiche. Questa dieta prevedeva molti vegetali come legumi, cereali, cipolle, aglio, semi di finocchio, frutta e fichi secchi, ed era povera di carne ma ricca di latticini, olio, miele e vino annacquato.
La sera prima degli scontri nell’arena, i gladiatori partecipavano ad un ricco banchetto, una cena libera, alla quale potevano assistere anche i “fans” più accaniti. Durante questo pasto, per acquistare energia, i gladiatori mangiavano di solito focacce d’orzo speziate cosparse di miele e bevevano infusi di fieno greco dalle proprietà rinforzanti.

udito
Gli spettacoli gladiatori a suon di corno, tube e liuti

In epoca romana la musica trovò un posto di rilievo nei giochi circensi, nei ludi gladiatori e durante le battaglie.
Spesso gli spettacoli nell’Anfiteatro romano iniziavano infatti con un corteo animato da strumenti musicali come il corno e l’organo, in particolare l’hydraulis, l’organo idraulico.
Gli scontri iniziavano tra incitamenti del pubblico, urla, battiti di mani e canti, come una moderna tifoseria, mentre strumenti a percussione come i tamburi, scandivano distintamente il ritmo nei momenti di particolare tensione, durante lo svolgimento delle lotte.

I bagni ebraici: il miqveh di Casa Blanca

La Cultura di Pantalica

L’Athènaion del tiranno Gelóne

Il significato culturale della tragedia

Il Museion e la grotta del Ninfèo

Il Teatro Greco di Siracusa

L’interno del Duomo di Ortigia

Le funzioni del Castel Maniace

L’Orecchio di Dionìsio e la Grotta dei Cordari

Gli spettacoli gladiatori

La Chiesa di Santa Lucia alla Badia

L’Anfiteatro romano

Tempio di Apollo

La Cattedrale di Siracusa

Ebrei popolo errante

Le catacombe di San Giovanni

Pantalica: dove la natura e la storia si fondono

L’ara di Ieróne II: luogo di sangue e di fuoco

Cripta di San Marciano

Luogo di incontro di mari e civiltà

Siracusa durante la tirannide di Dionigi

La fortificazione spagnola

Le Venationes

Ortigia. La Venere che sorge dalle acque del mare

Nel regno del re Hyblon: Pantalica tra storia e leggenda

Le mura Dionigiane: un capolavoro di ingegneria greca

La Siracusa romana, potenza militare grazie al genio di Archimede

La Neàpolis dal passato a oggi

La Giudècca, il cuore ebraico nascosto di Siracusa

Il Palazzo del Senato

Pantalica bizantina

Piazza del Duomo: un luogo sacro degli antichi greci

La chiesa di San Giovanni alle Catacombe

Il Castello Maniace

Leggende e magici echi nelle Latomìe di Siracusa

Il Castello Eurìalo

L’architettura della Piazza

Tracce del Cristianesimo a Siracusa