Ortigia

La fontana di Diana in Piazza Archimede

Al centro di Piazza Archimede, nel cuore di Ortigia, spicca la bella fontana di Diana. L’opera è stata costruita tra il 1906 e il 1907 dallo scultore Giulio Moschetti, artista molto quotato dell’epoca, noto per la precedente creazione della Fontana di Proserpina a Catania.

Fontana di Diana
Al centro di Piazza Archimede, nel cuore di Ortigia, è presente la fontana di Diana. L’opera, alta più di 5 metri, è stata costruita nel 1906 dallo scultore Giulio Moschetti e narra della famosa leggenda della ninfa Aretusa. Al centro, in posizione dominante, è rappresentata Diana con l’arco e il cane su un alto basamento a forma di scogliera. Ai suoi piedi c’è Aretusa distesa nel momento in cui la dea sta per trasformarla in sorgente per salvarla da Alfeo. Quest’ultimo compare alla destra di Diana, sorpreso per il prodigio che sta per avvenire. All’interno della vasca, trovano posto quattro sculture che rappresentano una famiglia di Tritoni. Il Tritone e la compagna col piccolo in braccio, cavalcano ciascuno una pistrice, mentre i due Tritoni adolescenti montano due cavalli marini. Questi personaggi mitologici simboleggiano il mare, elemento dove si conclude la storia d’amore. Nella parte più bassa, la vasca è sormontata su quattro lati da mascheroni e da stemmi.

Fontana DianaLa fontana di Diana è la rappresentazione della nota leggenda di Aretusa. Al centro della fontana, si erge nella sua fierezza la figura di Diana, con arco, faretra e cane, gli elementi tipici della dea della caccia, nelle vesti di protettrice della ninfa Aretusa, che si trova ai suoi piedi, estenuata dall’inseguimento dell’amante, ed è sul punto di trasformarsi in fonte d’acqua. La ninfa è rappresentata, nuda, mentre sta per fondersi con le acque sottostanti, mentre intorno scalpitano tritoni su cavalli marini e pìstrici che nuotano tra le onde. Questi personaggi mitologici simboleggiano il mare, l’elemento dove si conclude la storia d’amore. Alfeo, alle spalle della dea, osserva la scena con un’espressione sbalordita per ciò che sta avvenendo alla sua amata.
Tritone cavallo marino  Tritone Pistrice
La vasca è infine ornata da alcuni mascheroni e stemmi che riprendono lo stile classico. Il monumento è stato realizzato in cemento armato, sia perché questo materiale ha un costo contenuto, sia per le sue caratteristiche di ampia versatilità.

Pantalica e il fuoco. L’età dei metalli: oggetti della cultura di Pantalica

La Giudècca

L’interno della Cattedrale di Siracusa

Un viaggio a Pantalica

Pantalica e l’elemento terra

Neàpolis e l’elemento acqua. Il Ninfèo

La Cattedrale di Siracusa

Le naumachie: battaglie navali al teatro

La Giudècca e l’acqua. I bagni rituali: il Miqweh di Casa Blanca

Neàpolis e l’elemento terra. I luoghi dello spettacolo: il teatro greco e l’anfiteatro romano

La Giudècca e l’elemento terra. Tra giardini e botteghe artigiane

La Neàpolis

Ortigia e l’elemento terra. La piazza del Duomo: alla scoperta delle origini

Pantalica e l’acqua: il Mito del Fiume Ànapo

La Giudècca e il fuoco. La cucina nella religione ebraica

La natura nella Neàpolis

La Giudècca e l’aria. La Basilica di S. Giovannello

La Neàpolis e l’elemento aria. L’Orecchio di Dionisio

Ortigia e il fuoco. Archimede e l’invenzione degli specchi ustori

Ortigia e l’acqua. La Fonte Aretusa

Ortigia e l’elemento aria. Gli dei dell’Olimpo e il tempio di Apollo.

La fontana di Diana in Piazza Archimede

Pantalica e l’aria. Nel cielo di Pantalica: dai falchi ai pipistrelli

Neàpolis e il fuoco. L’Altare di Ierone e il fuoco sacrificale