il Contesto - la Villa

La disposizione degli ambienti

La diposizione della domus tardoantica su tre grandi livelli, che ricalcano la natura del terreno, non può prescindere dall’importanza della durata dei lavori da cui deriva la creazione delle scene dei mosaici e delle architetture.Si potrebbe presupporre che sia stato eseguito senza un progetto unitario iniziale, questo si deduce sia per la disposizione di alcuni ambienti che per lo stile delle raffigurazioni degli ornati musivi, anche se l’utilizzo contemporaneo di due registri stilistici diversi è ricorrente nella tradizione artistica romana. La possibilità che la struttura della residenza tardo antica sia stata realizzata in breve tempo o che, sia stata ampliata rispetto al nucleo originario in una fase, di poco, successiva, non è da escludere, come nel caso del Triclinio triabsidato .In realtà, la Villa del Casale solo apparentemente risulta avere una composizione disorganica, poiché racchiude una logica strutturale nei suoi quattro nuclei principali: l’ingresso monumentale, il Peristilio quadrangolare e gli ambienti che si raccolgono attorno ad esso, le Terme, la sala triabsidata e il portico ovoidale, che risulta essere uno spazio alternativo a quello quadrangolare.

Peristilio Ovoidale
A sud della residenza si collocava il quartiere del triclinio triabsidato, con un gruppo di stanze, dal mosaico animato da scene di vendemmia o di pesca. Gli ambienti si radunavano attorno al peristilio ovoidale, denominato anche Xystus, caratterizzato da un porticato su tre lati, chiuso ad ovest da un ninfeo. Il mosaico del portico è costruito da girali d’acanto che racchiudono piccoli volatili o busti di animali selvatici che si protendono al di fuori di esse. Si presume che i pilastri del porticato sorreggessero una copertura lignea a pergolato, che creava un ideale luogo per il passeggio, allietato dai giochi d’acqua delle fontane che si disponevano entro il cortile scoperto, forse utilizzato per spettacoli di danza o giochi acquatici. Il mosaico pavimentale che lo decora è composto da tessere musive a zig zag dai colori digradanti, che doveva simulare le onde del mare, vivacizzando ulteriormente la scena. Sul lato ovest del portico si trovava un ninfeo che, con la sua struttura absidata, chiudeva il ritmo curvilineo dei portici. Esso poteva essere impiegato come luogo fresco e suggestivo per un convivio all’aperto durante i mesi estivi, in alternativa allo spazio chiuso del triclinio preferito in inverno.
Peristilio Quadrangolare
È un grande porticato colonnato attorno al quale si affacciano gli ambienti del primo nucleo della villa. Esso, a nord, conduce a stanze ad uso personale del dominus e della sua famiglia, mentre a sud apre a luoghi di rappresentanza, lungo un percorso ad utilizzo pubblico. L’architettura scenografica di questo spazio è contrassegnata dalla presenza di 32 colonne, per la maggior parte in granito grigio, decorate con capitelli corinzi. Il pavimento di questo lungo corridoio, di forma quasi rettangolare, è decorato da una fascia continua di riquadri, definiti da un motivo a nastri. All’interno di ciascuno si distingue una corona d’alloro che ospita la protome di un animale selvatico. Tra gli spazi delle colonne, che si susseguono a cadenza regolare, nel cortile interno del peristilio, si scorge una grande fontana a tre vasche che, in epoca tardoantica, creava uno scenografico specchio d’acqua in cui si rifletteva la ricca vegetazione che la circondava.

Si può parlare in questo caso di giustapposizione delle varie parti funzionali, anche se realizzate in periodi diversi.

Uno spazio tra pubblico e privato

Il sacrificio campestre

Gli ambienti della villa a destinazione pubblica

Il luogo dell’accoglienza

Una stanza dedicata alla musica

Il mito di Orfeo

La stanza delle stagioni

L’età d’oro: ipotesi sul periodo di costruzione della villa

Pars fructuaria e pars rustica

Una sfida fra le forze del cielo e della terra

Gli ambienti a carattere semipubblico

Un cortile al centro della casa

Il Latifondo

La residenza tardoantica: Locus Amoenus e centro di attività amministrative nel cuore della Sicilia

Un ambiente dedicato al mare

Indizi per la datazione

La composizione degli spazi

Le terme tra benessere e socialità

La mansio di Sophiana

La rappresentazione della Virtus

Gli ambienti della villa riflesso del suo proprietario

Il porticato con una pavimentazione animata

Il riflesso del Dominus tra mito e realtà

Le dodici fatiche di Ercole

Il mito di Eros e Pan

Il mito di Ulisse e Polifemo

Il Peristilio della villa

Una grande sala per i banchetti

Una decorazione che segna il tempo

La stanza degli amorini pescatori

Le stanze dell’Otium

Il frigidario: un ambiente aulico

La colazione all’aria aperta

Le decorazioni dell’ambulacro

Le creature del mare

Due colonne segnano l’ingresso ad un ambiente importante

La mansio una stazione di sosta

Una stanza con una decorazione vivace

La stanza degli amorini vendemmiati

Un ambiente aulico dedicato al mito di Arione

La disposizione degli ambienti