Ingresso privato alle Terme

I sensi raccontano l’Ingresso privato alle terme

vista
Un accesso privilegiato per la famiglia del Dominus

Tutto sembra raccolto in questo piccolo ambiente a forma di trapezio che, dal Peristilio, scendendo una piccola rampa, dà accesso agli spazi termali. Il mosaico pavimentale restituisce, in modo realistico, cinque figure diversamente abbigliate. Quella che attira la nostra attenzione è situata al centro e indossa abiti così ricercati da indurci a pensare che sia proprio la domina della villa del Casale, raffigurata con un lungo abito contraddistinto da ampi panneggi colorati, resi ancora più cangianti dagli svariati colori delle innumerevoli tessere. Anche i due personaggi che la affiancano destano la nostra attenzione per la bellezza dei loro volti impreziositi da una lunga capigliatura bionda che posa sulle vivaci gradazioni di giallo e di verde del mantello. Osservate, alle estremità del gruppo risaltano due ancelle che trasportano quanto necessario per i bagni termali.

udito
Sussurri e toni soffusi

Il vano, utilizzato come sala d’attesa o luogo per il cambio d’abito riservato alla famiglia del dominus doveva essere pervaso solo dalla voce della domina e del corteo termale al suo seguito che si confondeva con il rumore delle ampolle di vetro o alabastro colme di profumi ed essenze. L’atmosfera raccolta doveva, comunque, invitare ad un dialogo dal tono attenuato, interrotto solo dall’eco che proveniva dalle terme.

olfatto
Note profumate dall’oriente

Le ridotte dimensioni di questo ambiente raccoglievano gli aromi degli unguenti e olii naturali che fuoriuscivano dalle terme e dalle ampolle trasportate dalle ancelle per l’ingresso della domina ai bagni freddi. Le note profumate provenivano da sostanze che arrivavano anche dai lontani domini romani, trasportate da navi che approdavano nei porti principali dell’impero. Rose, melograni, lavanda si mescolavano con materie prime pregiate come cannella, mirra e incenso. Provate ad immaginare il senso di benessere che si diffondeva nell’aria tanto da rendere questo luogo la soglia di confine tra la frenesia degli impegni della vita quotidiana e una dimensione di armonia tra corpo e mente

tatto
L’eleganza cucita addosso

Entrate a far parte, per un attimo, della scena rappresentata nel mosaico: avreste la possibilità di toccare il pregiato tessuto dell’abito indossato dalla domina costituito da ampi panneggi arricchiti da fasce verticali di diversa trama, arricchiti magari da perle, a sottolineare la sua appartenenza ad una famiglia di importante rango sociale. L’acconciatura a elmo, impreziosita da gemme inserite nella chioma, è un armonico richiamo al suo pregiato abbigliamento. Allo stesso modo, gli orbicoli, costituiti da un sinuoso ricamo che decora la tunica dei due giovani disposti al suo fianco, sottolineano il prestigio evocato dalla raffigurazione musiva.
Anche la cassetta quadrata, tenuta da un’ancella, doveva contenere ampolle con unguenti e profumi. La loro fattura era tanto sofisticata nei materiali quanto più si accresceva il pregio delle essenze utilizzate.

La colazione all’aria aperta

Una stanza regale ospitava il Dominus durante le sue udienze

I protagonisti del mosaico e gli affreschi a tema militare

I sentieri della Virtus, riflesso del Dominus

Una giornata di caccia alla villa

I sensi raccontano il Sacello dei Lari

La Mansio di Philosophiana. Una stazione di sosta

Il culto dei Lari

I marmi provenienti dalle regioni dell’Impero a decoro della Basilica

La visione della corsa dalla tribuna imperiale

Un significato nascosto

Il catalogo di animali

Un microcosmo organico: la struttura della villa

I sensi raccontano la Sala Biabsidata

I nuclei principali della Domus

Personaggi, di alto rango, raffigurati nei mosaici delle nicchie absidate del Frigidario

Il Latifondo

I sensi raccontano l’Ambulacro biabsidato – corridoio della “grande caccia”

L’età d’oro: ipotesi sul periodo di costruzione della villa ed inizi

Gli ambienti della villa a destinazione pubblica e privata

Un piccolo vano impreziosito dai marmi

L’apoteosi di Ercole

I sensi raccontano la Sala dell’appartamento privato della “piccola caccia”

Il sacrificio campestre

Simboli beneauguranti e, forse, le iniziali del nome del committente, decorano il mosaico del vano absidato

I sensi raccontano l’Ingresso Monumentale

Gli ambienti a carattere semipubblico

I sensi raccontano l’Ingresso privato alle terme

I sensi raccontano il Vestibolo

I sensi raccontano la Basilica

I sensi raccontano la Stanza delle frizioni

Un piccolo vano rappresenta una delle attività del percorso Termale

Banchetti e Panegirici animavano la vasta sala, sullo sfondo di un mosaico pavimentale che celebra le prodezze di Ercole

I protagonisti dei mosaici

Un personaggio che ha attirato l’attenzione degli studiosi

I sensi raccontano il Triclinio Triabsidato

Una teoria di armati per un Dominus dal profilo importante

Una cerimonia ufficiale per accogliere il Dominus

La cattura di animali selvaggi per i giochi dell’Anfiteatro Romano

I sensi raccontano il Peristilio Quadrangolare

Un’architettura solenne e maestosa per accogliere un committente di alto rango

Il profilo del Dominus si nasconde tra le scene rappresentate nei mosaici?

Un piccolo ambiente utilizzato come ingresso privilegiato alle Terme

Il prestigio del Dominus si rivela attraverso gli affreschi parietali

Un simbolo eloquente: Il Signum

Forme di saluto o rito?

La residenza tardoantica: Locus Amoenus e centro di attività amministrative nel cuore della Sicilia

La rappresentazione realistica di un corteo termale con una figura femminile di alto rango

L’interpretazione astrale del mosaico

Un grande porticato colonnato, luogo di raccordo tra gli ambienti

Alla ricerca del Dominus attraverso i mosaici della residenza tardoantica

Una corsa di Quadrighe, ambientata nel Circo Massimo di Roma, collega la villa alla città centro del potere

I sensi raccontano il Frigidarium

La possibile celebrazione di un evento solenne

Un dialogo tra scene mitologiche e realistiche