il Contesto - il Territorio

La mansio una stazione di sosta

Fin dall’epoca dell’Imperatore Augusto, che istituì il cursus publicus ossia un sistema postale destinato a controllare e amministrare il vasto territorio dell’Impero, per consentire che la posta si potesse muovere con profitto all’interno della rete stradale romana, erano necessari luoghi in cui soggiornare la notte, trovare ristoro e sostituire i cavalli. A tali necessità provvedevano le mansiones, particolari strutture, il cui nome trae origine dal verbo manere che in latino significa fermarsi, soggiornare. Esse si disponevano a diverse distanze tra loro ma, in genere, permettevano al viaggiatore di essere raggiunte nell’arco di una giornata di cammino.
La mansio di Sophiana si trovava lungo uno di questi percorsi, elencato nell’ Itinerarium Antonini una via pubblica che congiungeva Agrigento a Catania per poi proseguire verso Roma.

Una sfida fra le forze del cielo e della terra

La colazione all’aria aperta

Il porticato con una pavimentazione animata

La stanza degli amorini pescatori

Il sacrificio campestre

La stanza delle stagioni

Le stanze dell’Otium

Una stanza con una decorazione vivace

La composizione degli spazi

La mansio una stazione di sosta

Le creature del mare

Il mito di Eros e Pan

Le dodici fatiche di Ercole

Un cortile al centro della casa

Un ambiente dedicato al mare

Il frigidario: un ambiente aulico

Il riflesso del Dominus tra mito e realtà

Pars fructuaria e pars rustica

Il luogo dell’accoglienza

Gli ambienti a carattere semipubblico

Il Latifondo

La residenza tardoantica: Locus Amoenus e centro di attività amministrative nel cuore della Sicilia

Le terme tra benessere e socialità

Indizi per la datazione

Due colonne segnano l’ingresso ad un ambiente importante

Le decorazioni dell’ambulacro

Una decorazione che segna il tempo

La stanza degli amorini vendemmiati

Il mito di Orfeo

Il Peristilio della villa

L’età d’oro: ipotesi sul periodo di costruzione della villa

La disposizione degli ambienti

Il mito di Ulisse e Polifemo

Gli ambienti della villa a destinazione pubblica

Un ambiente aulico dedicato al mito di Arione

Uno spazio tra pubblico e privato

Una grande sala per i banchetti

Una stanza dedicata alla musica

Gli ambienti della villa riflesso del suo proprietario

La mansio di Sophiana

La rappresentazione della Virtus