Agrigentum al tempo dei Romani

Il racconto di Cicerone: Agrigentum nelle Verrine

Per volere dei Siciliani, presso i quali qualche anno prima si era distinto come ottimo questore di Lilibeo , Cicerone tornò in Sicilia e sbarcò ad Eraclea, dove fu accolto da una popolazione che chiedeva giustizia per le malefatte subite. Nonostante il caso di pessima amministrazione pubblica per cui si scagliò agguerritamente contro Verre, nelle Verrine emerge chiaramente la convinzione di Cicerone che il governo di Roma fosse la cosa migliore che potesse accadere alla Sicilia.
Effettivamente, una volta diventata Agrigentum, la città andò incontro a un periodo che, seppur disturbato da conflitti minori nel corso degli anni, ne consentì lo sviluppo economico e culturale.Tempio di Eracle
Gli agrigentini, definiti nell’opera come fortissimi viri, diligentissimi aratores (coltivatori valorosi e diligenti), vivevano pacificamente nella loro città insieme ai numerosi cittadini romani che vi si erano stabiliti in seguito. Sebbene il crogiuolo di culture, ivi instauratosi, fosse quindi molto variegato, il corpo civico della città era molto coeso, e la parte greca della popolazione, custode delle memorie avite, veniva tenuta tanto in considerazione da assegnare la maggioranza dei seggi in senato agli antichi abitanti della polis. A conferma di questo fatto, nei testi delle Verrine spicca il racconto del tentativo di Verre di rubare la statua del dio Ercole dall’omonimo tempio, e la corale reazione dei cittadini che, tutti insieme, una volta ricevuto l’allarme, si attivarono per evitare la spoliazione dell’edificio sacro.

La necròpoli romana

Gli affari dei romani

Da Akragas ad Agrigentum

Il teatro delle origini

La vita dei ragazzi in età romana

Il racconto di Cicerone: Agrigentum nelle Verrine

Un Santuario per gli dei latini

Il culto dell’Imperatore

Il motore del benessere di Agrigentum

L’Oratorio di Falàride

Il sarcofago del Fanciullo

Il quartiere ellenistico-romano

L’antico porto di Agrigentum

La vegetazione dei Giardini

Retaggi ellenistici per le strade di Agrigentum

La tomba di Teróne

Il centro della politica ad Agrigentum

Benvenuti ad Agrigentum

Le Guerre puniche e la conquista definitiva di Akragas

I romani si stabiliscono ad Agrigentum

Le domus, custodi della vita privata

I centri benessere dei romani

Lavori per le muse: i mosaici del quartiere ellenistico-romano

Il museo vivente del Mandorlo

Gli dei di Agrigento

Momenti di svago: il teatro

Il forum nella città degli akragantini

I giardini della Kolymbèthra

Mens sana in corpore sano: il gymnasium di Agrigento

Respirare insieme il patrimonio dell’umanità

Una scoperta eccezionale: le terme di Agrigentum