La natura della valle

I giardini della Kolymbèthra

Dopo la Battaglia di Himéra del 480 a.C., Teróne affidò all’architetto Feace il compito di progettare un sistema idraulico per portare acqua alla città di Akragas attraverso una canalizzazione sotterranea. Gli acquedotti costruiti, scavati dai cartaginesi fatti prigionieri nella battaglia e chiamati Feaci dal nome dell’architetto, confluivano in un unico bacino situato nella parte meridionale della città, proprio in prossimità di quello che oggi conosciamo come Santuario delle Divinità Ctonie.
La vasca si configurò presto come una vera e propria piscina che misurava 1300 metri di lunghezza e 9 di profondità. Insieme alla natura circostante, il laghetto pieno di pesci variopinti contribuiva a creare un’atmosfera bucolica, caratterizzata dalla presenza di diverse specie sia vegetali che faunistiche.
Diodòro Siculo racconta che più tardi quest’area fu trascurata e la piscina si dissecò.
Da quel momento le terre furono piantate a viti e profumati alberi da frutto ma, negli anni, attraversò diversi periodi di incuria e trascuratezza.I giardini della Kolymbetra Il Giardino della Kolymbèthra oggi è tornato a splendere di rigogliosa vegetazione, grazie alla sua concessione al Fondo per l'Ambiente Italiano : attraverso alcuni interventi di ingegneria naturalistica , sono stati attuati lavori di manutenzione e consolidamento del torrente che attraversa l’area per consentire all’acqua di tornare a irrigare il giardino e le sue colture.

I giardini della Kolymbèthra

La tomba di Teróne

Il sarcofago del Fanciullo

La necròpoli romana

I romani si stabiliscono ad Agrigentum

Le Guerre puniche e la conquista definitiva di Akragas

Un Santuario per gli dei latini

Il teatro delle origini

Il motore del benessere di Agrigentum

Benvenuti ad Agrigentum

Mens sana in corpore sano: il gymnasium di Agrigento

Il racconto di Cicerone: Agrigentum nelle Verrine

Gli dei di Agrigento

La vita dei ragazzi in età romana

I centri benessere dei romani

L’Oratorio di Falàride

La vegetazione dei Giardini

Le domus, custodi della vita privata

Da Akragas ad Agrigentum

Retaggi ellenistici per le strade di Agrigentum

Il quartiere ellenistico-romano

Lavori per le muse: i mosaici del quartiere ellenistico-romano

Una scoperta eccezionale: le terme di Agrigentum

Il culto dell’Imperatore

L’antico porto di Agrigentum

Il centro della politica ad Agrigentum

Momenti di svago: il teatro

Il museo vivente del Mandorlo

Il forum nella città degli akragantini

Gli affari dei romani

Respirare insieme il patrimonio dell’umanità