La monumentalizzazione di Akragas

Le vivaci decorazioni del tempio

Grazie alle dettagliate descrizioni del tempio di Zeus Olimpio che ci hanno lasciato Diodòro Siculo e Polìbio, è stato possibile ipotizzare delle riproduzioni non solo della struttura del tempio, ma anche delle decorazioni che lo abbellivano nel periodo del suo massimo splendore.
I frontoni del tempio ospitavano la narrazione di due distinti episodi: sul lato est, quello principale, era raffigurata una Gigantomachia, la guerra tra i giganti ribelli e gli dei; sul lato ovest, invece, la presa di Troia da parte dei Greci.
Si trattava di due gruppi scultorei a tuttotondo , probabilmente in marmo bianco, che quindi richiamavano la colorazione bianca delle colonne. Alcune ipotesi, non confermate, suppongono che il guerriero di Agrigento , i cui frammenti marmorei sono stati rinvenuti tra l’area del tempio di Zeus e quello di Èracle, potesse far parte di uno dei due solenni gruppi scultorei.
Come per tutti i templi della Valle, si può ragionevolmente supporre che anche quello di Zeus in realtà non si presentasse della colorazione giallo ocra della calcarenite , tipica degli edifici dell’agrigentino, ma che, piuttosto, fosse colorato e trasmettesse quindi eleganza e vivacità.
Dalle riproduzioni effettuate dal Museo Archeologico è possibile notare che le colonne dovevano avere una colorazione bianca, così come i telamóni, mentre più in alto, sul fregio, i trìglifi avevano la classica tonalità azzurra, chiusa da una fascia rossa sottostante.

Il culto di Demetra e Persefone

Il primo insediamento: la fondazione di Akragas

Dai culti pagani ai culti cristiani: la Chiesa di San Gregorio e il cimitero cristiano, la via dei sepolcri

Il santuario delle divinità Ctonie

L’eroe delle dodici fatiche

Akragas alle origini

Falàride, il terribile tiranno

I giardini della Kolymbèthra

Le mura di Akragas nel V sec a.C.

Le vivaci decorazioni del tempio

Il Tempio della Concordia

I sacrifici per le dee che rendono fertili i campi

Il Tempio di Demetra

Il Tempio di Asclépio

Il rinforzo dei bastioni naturali

Il Tempio di Giunone

Il museo vivente del Mandorlo

Il Tempio di Èracle

Teróne, tiranno delle arti e delle vittorie

Akragas, città della bellezza

Empedocle, il politico filosofo

La vegetazione dei Giardini

Il Santuario di Asclépio: un luogo di accoglienza per i malati

La più bella città dei mortali

Un monumento per la vittoria su Cartagine: il tempio di Zeus Olimpio

I misteri eleusini