La monumentalizzazione di Akragas

I sensi raccontano il tempio di Zeus Olimpio

vista
Le dimensioni colossali

Nei tempi antichi, quando i navigatori passavano davanti ad Akragas, dovevano rimanere estasiati e colpiti. Nella cinta di templi che abbracciava la città, di per sé sbalorditiva, ce n’era uno, di dimensioni colossali, che svettava su tutti.
I colori brillanti della struttura, rosso, bianco e azzurro, ne aumentavano l’immensità.
Non vi era alcun dubbio: doveva essere il tempio dedicato a Zeus Olimpio, re di tutti gli dei.

tatto
Le forme dei Telamóni

Se si osservano i telamóni di Akragas, non è difficile notare che queste enormi statue erano composte da più blocchi di pietra sovrapposti.
Nei tempi antichi questo non era così evidente: in origine, si poteva far scivolare la mano su queste mastodontiche sculture e avvertire, a malapena, il passaggio da un blocco all’altro, tanto erano precise le rifiniture realizzate dagli artigiani.
Oggi, al contrario, molti particolari sono andati perduti, lasciando la pietra corrosa e arrotondata alle estremità.

La vegetazione dei Giardini

L’eroe delle dodici fatiche

Dai culti pagani ai culti cristiani: la Chiesa di San Gregorio e il cimitero cristiano, la via dei sepolcri

I giardini della Kolymbèthra

Le vivaci decorazioni del tempio

Il Tempio di Asclépio

Il Tempio di Giunone

Il rinforzo dei bastioni naturali

Il Tempio di Èracle

Il Santuario di Asclépio: un luogo di accoglienza per i malati

Un monumento per la vittoria su Cartagine: il tempio di Zeus Olimpio

Il Tempio della Concordia

Akragas alle origini

Il museo vivente del Mandorlo

Falàride, il terribile tiranno

Akragas, città della bellezza

Empedocle, il politico filosofo

Il santuario delle divinità Ctonie

La più bella città dei mortali

Il Tempio di Demetra

Teróne, tiranno delle arti e delle vittorie

Il culto di Demetra e Persefone

I misteri eleusini

Le mura di Akragas nel V sec a.C.

I sacrifici per le dee che rendono fertili i campi

Il primo insediamento: la fondazione di Akragas