Le Domus Aeternae

La necròpoli romana

La tendenza dei romani a ostentare il lusso è testimoniata, oltre che dalle abitazioni, anche dagli spazi funerari: le tombe per i morti, come le case per i vivi, dovevano essere una rappresentazione dello status e del lusso del padrone. La necròpoli di Agrigentum venne posizionata sotto le mura meridionali e la scelta di questa area assume un rilevante significato simbolico se si considera che questa era la via che portava al mare, e quindi a Roma. La necropoli romanaEra articolata su diversi settori: il più antico (II-III sec. d.C.) è conosciuto con il nome di Necròpoli Giambertoni ed era caratterizzato da tombe a cassa di pietra calcarea e sarcofagi scolpiti, tra cui quello molto pregiato del fanciullo. Un’altra area (III-VI sec. d.C.) si trova nei pressi del Tempio della Concordia ed è conosciuta come necròpoli sub divo, ovvero a cielo aperto; era costituita da circa 130 tombe a cassa trapezoidale scavate direttamente nella roccia. Infine, una grande catacomba comunitaria chiamata Grotta Fragapane (IV-V sec. d.C.) connetteva le due aree precedentemente nominate attraverso loculi e corridoi sotterranei.La Grotta FragapaneLa Grotta Fragapane si apre su quella che è stata definita la Via dei Sepolcri, un percorso che attraversa la necròpoli da est a ovest, ricavato da un canale di età greca che serviva, probabilmente, per il trasporto dell’acqua alla rete di acquedotti della città.
In alcuni punti che costituiscono delle rotonde, tra i corridoi di collegamento, le catacombe sono state ricavate sfruttando le preesistenti cisterne a campana di età greca, che sono così divenute delle vere e proprie camere sepolcrali.

Gli dei di Agrigento

Lavori per le muse: i mosaici del quartiere ellenistico-romano

La vita dei ragazzi in età romana

Gli affari dei romani

Mens sana in corpore sano: il gymnasium di Agrigento

Retaggi ellenistici per le strade di Agrigentum

Il motore del benessere di Agrigentum

Le Guerre puniche e la conquista definitiva di Akragas

Il sarcofago del Fanciullo

Il culto dell’Imperatore

Il teatro delle origini

Il racconto di Cicerone: Agrigentum nelle Verrine

La tomba di Teróne

Una scoperta eccezionale: le terme di Agrigentum

Un Santuario per gli dei latini

La vegetazione dei Giardini

L’antico porto di Agrigentum

I giardini della Kolymbèthra

I romani si stabiliscono ad Agrigentum

La necròpoli romana

Il forum nella città degli akragantini

L’Oratorio di Falàride

Il museo vivente del Mandorlo

Il centro della politica ad Agrigentum

Le domus, custodi della vita privata

I centri benessere dei romani

Momenti di svago: il teatro

Respirare insieme il patrimonio dell’umanità

Da Akragas ad Agrigentum

Il quartiere ellenistico-romano

Benvenuti ad Agrigentum