La Val Calanna

La Val Calanna, il primo passo verso un unico grande edificio vulcanico

La Val Calanna è collocata subito a monte del paese di Zafferana Etnea, all’estrema porzione sud-orientale della Valle del Bove, e può essere considerata uno dei luoghi con più fascino e storia della Etnea moderna. La Valle prende il nome dall’omonimo Monte Calanna, un piccolo cucuzzolo arrotondato avvolto dalle lave recenti. In realtà, questi sono solo i resti di uno dei più grandi centri eruttivi nella storia del vulcano Etna.Val CalannaLa Val Calanna è delimitata dal bordo meridionale della Valle del Bove , che qui si sviluppa con una grande e ripida scarpata che taglia i centri eruttivi di Monte Fior di Cosimo e del Trifoglietto, sviluppatisi circa 100-80.000 anni fa. Addentrarsi tra i castagni che salgono sulla cima di Monte Fior di Cosimo, per poi risalire verso Monte Zoccolaro nel quartiere di Cassone di Zafferana Etnea, rappresenta una delle più belle passeggiate del versante meridionale Etneo.
Camminando lungo questi sentieri è possibile incontrare dei grandi buchi nel terreno: queste sono le antiche “nivàre” (nevai). La Val Calanna è nel cuore di tutti i frequentatori abituali della “Muntagna”, perché prima del 1991 essa era uno dei luoghi più densamente alberati del versante orientale, con dei piccoli corsi d’acqua e cascatelle al suo interno.val calanna 1991 - 93Essa oggi è, invece, aspra e brulla, perché riempita dalla colata del 1991-93 , che lambì il paese di Zafferana Etnea rimanendo alla storia come il primo tentativo non del tutto risolutivo, dopo quello del 1983,  di deviazione, da parte dell’uomo, di una colata lavica.

Torre del Filosofo: alla base dei Crateri Sommitali (2950 metri)

Il terremoto che cambiò la geografia della Sicilia orientale nel 1693

I Malavoglia

Il fiume Aci

Acireale e la ricostruzione dopo il terremoto del 1693

L’eruzione del 1928 che distrusse il paese di Mascali

I sensi raccontano Acicastello ed Acitrezza

I diversi nomi della “Muntagna”

I sensi raccontano i Monti Rossi

Acireale e le sue “timpe”

Il monitoraggio vulcanico e la previsione delle eruzioni

Empèdocle e la sua passione per l’Etna

L’uomo e il vulcano: come comportarsi? Il rischio vulcanico

Etna, la montagna vivente

I sensi raccontano Torre del Filosofo

L’eruzione del 2001 dell’Etna, dove l’approccio con i vulcani è cambiato

I Monti Rossi e la distruttiva eruzione del 1669

La Val Calanna, il primo passo verso un unico grande edificio vulcanico

I sensi raccontano il Belvedere dell’Etna

I sensi raccontano i Crateri Sommitali

I sensi raccontano la Val Calanna

L’Isola Lachea e i Faraglioni di Acitrezza

Il Grand Tour in Sicilia

La Valle del Leone e l’Ellittico

Il Belvedere Etneo

L’eruzione del 1669 a Catania

Perché l’Etna si è formato proprio in quella posizione geografica?

Le “tacche” della neve

L’Etna: un meraviglioso insieme di microclimi e di vegetazione

Il sistema di faglie delle “Timpe” di Acireale

L’attività dei Crateri Sommitali tra il 2011 e il 2019

I sensi raccontano Acireale

Etna, terroir vinicolo d’eccellenza

Un Vulcano in continua evoluzione

L’Ellittico, il primo grande vulcano Etneo

Un insieme faunistico ancora tutto da scoprire

La continua evoluzione dei Crateri Sommitali Etnei

Le prime manifestazioni vulcaniche Etnee tra Acicastello ed Acitrezza

I sensi raccontano la Valle del Leone