Il Belvedere dell'Etna

L’eruzione del 2001 dell’Etna, dove l’approccio con i vulcani è cambiato

L’eruzione del 2001 dell’Etna ha rappresentato un vero e proprio punto di svolta nello studio dei vulcani, non solo per la comunità scientifica italiana ma per quella di tutto il mondo. L’eruzione del 2001 ha visto la contemporanea presenza di 5 bocche attive in diverse zone del vulcano.
L’attività stromboliana, con emissione di colate laviche, ha rappresentato un fenomeno piuttosto comune negli ultimi 40 anni, nel cratere sommitale di Sud Est, ed è stata accompagnata da emissione di colate laviche a 2800 metri di quota sul bordo occidentale della Valle del Bove e a 2900 metri in Valle del Leone, nonché da una bocca a 2100 metri presso i Monti Calcarazzi. Essa, ha portato alla drastica diminuzione di buona parte delle attività turistico/commerciali dell’area del Rifugio Sapienza.
Infine, una bocca si è aperta proprio in zona Belvedere, dalla quale si è avuta attività fortemente stromboliana con intensa emissione di cenere: questa bocca ha lentamente costruito il Cratere Laghetto, ben visibile dal Belvedere, causando un accumulo di quasi un metro di cenere nella vicina città di Catania, con pesanti conseguenze sulla viabilità, anche aerea, e sulle attività commerciali ed agricole della zona. Per avere un’idea della quantità di cenere emessa, e dell’altezza raggiunta dalla colonna eruttiva, è sufficiente sapere che la cenere del Cratere laghetto ha raggiunto la Grecia e le coste settentrionali dell’Africa. Fino a quel momento, l’Etna pur essendo monitorato ha colto di sorpresa la comunità scientifica che non prevedeva un’attività così intensa e, al contempo, in diverse zone del vulcano.
A partire da questa eruzione, l’Etna è diventato, insieme a Stromboli, uno dei vulcani attivi più monitorati al mondo. Oggi, grazie a tutti gli studi conseguenti a questa eruzione, si è in grado di prevedere con qualche ora di preavviso la probabile e imminente eruzione, e si riescono a contenere i danni della cenere sulla viabilità aerea grazie a dei modelli che integrano l’altezza della colonna eruttiva alle condizioni meteorologiche del momento.
Questa è una ulteriore dimostrazione di come l’Etna sia, a tutti gli effetti, un vero e proprio laboratorio naturale per le scienze, non solo a carattere vulcanologico.

La Valle del Leone e l’Ellittico

Acireale e la ricostruzione dopo il terremoto del 1693

I sensi raccontano i Crateri Sommitali

I diversi nomi della “Muntagna”

L’attività dei Crateri Sommitali tra il 2011 e il 2019

La continua evoluzione dei Crateri Sommitali Etnei

Il Grand Tour in Sicilia

L’eruzione del 1928 che distrusse il paese di Mascali

Empèdocle e la sua passione per l’Etna

Il fiume Aci

Le “tacche” della neve

I Malavoglia

Torre del Filosofo: alla base dei Crateri Sommitali (2950 metri)

Un insieme faunistico ancora tutto da scoprire

I sensi raccontano Acicastello ed Acitrezza

L’Isola Lachea e i Faraglioni di Acitrezza

Il sistema di faglie delle “Timpe” di Acireale

L’eruzione del 2001 dell’Etna, dove l’approccio con i vulcani è cambiato

Il Belvedere Etneo

I sensi raccontano la Valle del Leone

I Monti Rossi e la distruttiva eruzione del 1669

La Val Calanna, il primo passo verso un unico grande edificio vulcanico

Etna, la montagna vivente

Il terremoto che cambiò la geografia della Sicilia orientale nel 1693

I sensi raccontano Torre del Filosofo

I sensi raccontano il Belvedere dell’Etna

Etna, terroir vinicolo d’eccellenza

I sensi raccontano i Monti Rossi

Le prime manifestazioni vulcaniche Etnee tra Acicastello ed Acitrezza

Perché l’Etna si è formato proprio in quella posizione geografica?

Il monitoraggio vulcanico e la previsione delle eruzioni

L’uomo e il vulcano: come comportarsi? Il rischio vulcanico

L’eruzione del 1669 a Catania

Un Vulcano in continua evoluzione

I sensi raccontano la Val Calanna

Acireale e le sue “timpe”

L’Ellittico, il primo grande vulcano Etneo

L’Etna: un meraviglioso insieme di microclimi e di vegetazione

I sensi raccontano Acireale