Torre del filosofo

I sensi raccontano Torre del filosofo

vista
Un panorama in continua evoluzione

La zona di Torre del Filosofo è sicuramente la postazione migliore per osservare i Crateri Sommitali Etnei. Tuttavia questi sono luogo di continue eruzioni, soprattutto durante gli ultimi 20 anni e la loro forma e profilo cambiano continuamente. Osservateli bene e magari fotografateli, la prossima volta non saranno sicuramente uguali alla fotografia!

tatto
Il tepore del vulcano

Provate a sedervi sui conetti del 2002-03, collocati proprio in zona Torre del Filosofo. Nonostante siano passati oltre 15 anni dall’eruzione, sentirete ancora un tepore uscire dal terreno. Questi sono i gas del magma che si sta raffreddando in profondità, che mantengono, ancora, temperature intorno ai 40°-50°C.

olfatto
In una nuvola di zolfo

Nella zona di Torre del Filosofo non sentirete solamente l’odore dei gas del vulcano proveniente dai Crateri sommitali, in buona parte esce proprio al di sotto dei vostri piedi. Chiudete gli occhi e provate a sentire bene questo, agre, odore.

udito
Il rombo del vulcano

Se siete capitati in questa zona in un periodo di eruzioni o esplosioni dai crateri sommitali potrete distintamente udire le esplosioni. Sarà un susseguirsi di esplosioni ogni 5-10 minuti, che vi faranno girare la testa sempre verso i Crateri!

Etna, un laboratorio naturale dove svolgere esperimenti

L’attività dei Crateri sommitali tra il 2011 e il 2019

Un vulcano in continua evoluzione

L’Isola Lachea e i Faraglioni di Acitrezza

L’Ellittico, il primo grande vulcano Etneo

I sensi raccontano il Belvedere dell’Etna

La continua evoluzione dei Crateri sommitali Etnei

Il Belvedere Etneo

Le “tacche” della neve

I diversi nomi della “Muntagna”

I sensi raccontano la Val Calanna

Torre del Filosofo: alla base dei Crateri Sommitali (2950 metri)

Empèdocle e la sua passione per l’Etna

L’eruzione del 2001 dell’Etna, quando la Montagna sembrava viva

Acireale e le sue “timpe”

La Valle del Leone e l’Ellittico

I sensi raccontano I Monti Rossi

I Monti Rossi e la distruttiva eruzione del 1669

L’eruzione del 1669 a Catania

I sensi raccontano Acicastello ed Acitrezza

La montagna vivente

I sensi raccontano i Crateri sommitali Etnei

I sensi raccontano Acireale

I sensi raccontano la Valle del Leone

Il sistema di faglie delle “Timpe” di Acireale

Perché l’Etna è uno dei vulcani più studiati al mondo?

I Malavoglia

L’uomo e il vulcano: come comportarsi? Il rischio vulcanico

Il primo tentativo al mondo (quasi riuscito) di fermare una colata lavica: l’eruzione del 1991-93

Una fauna ancora tutta da scoprire

I primi edifici vulcanici dell’Etna, tra Acicastello ed Acitrezza

I sensi raccontano Torre del filosofo

La Val Calanna, il primo passo verso un unico grande edificio vulcanico

Il Grand Tour in Sicilia

L’Etna: un meraviglioso insieme di diversi tipi di flora

L’eruzione del 1928 che distrusse il paese di Mascali

Acireale e la ricostruzione dopo il terremoto del 1693

Il fiume Aci

Il terremoto che cambiò la geografia della Sicilia orientale nel 1693