Acicastello ed Acitrezza

L’Isola Lachea e i Faraglioni di Acitrezza

Il litorale di fronte Acitrezza è costellato da un piccolo “arcipelago” di Faraglioni, detto “Arcipelago dei Ciclopi”. L’isola Lachea è la più grande in estensione, avendo una forma ellissoidale lunga 250 metri e larga 150, per una superficie di poco inferiore ai 2 ettari. Essa fa parte della “Riserva naturale integrata isola Lachea e faraglioni dei Ciclopi”, un’area protetta istituita dalla regione Sicilia nel 1998, ed ospita una stazione per gli studi biologici dell’Università di Catania.
faraglioni di AcitrezzaL’isola Lachea sembra corrispondere alla descrizione dell’isola abitata da sole capre che si trova nel IX libro dell’Odissea di Omero. Sull’isola Lachea sono stati rinvenuti dei reperti archeologici (un’ascia in diorite e una tomba) che dimostrano come l’isola fosse frequentata già in età preistorica.
Dell’età Romana sono invece solo rimasti degli oggetti rinvenuti all’interno di una delle due grandi buche circolari di circa un metro di profondità, presenti sull’isola: pentole, anfore, pesi da telaio, aghi in osso, frammenti di un pettine osseo e una piccola lucerna.
L’isola, come gli altri faraglioni che costituiscono il piccolo arcipelago, è di origine magmatica.
Essa rappresenterebbe i resti di una piccola camera magmatica molto superficiale definita laccolite, risalente a circa 500.000 anni fa.

Il monitoraggio vulcanico e la previsione delle eruzioni

I sensi raccontano Acicastello ed Acitrezza

Il Grand Tour in Sicilia

L’attività dei Crateri Sommitali tra il 2011 e il 2019

L’eruzione del 1669 a Catania

I diversi nomi della “Muntagna”

I sensi raccontano Torre del Filosofo

I sensi raccontano la Val Calanna

I sensi raccontano la Valle del Leone

L’Ellittico, il primo grande vulcano Etneo

Acireale e la ricostruzione dopo il terremoto del 1693

L’uomo e il vulcano: come comportarsi? Il rischio vulcanico

Acireale e le sue “timpe”

Le “tacche” della neve

L’eruzione del 1928 che distrusse il paese di Mascali

L’eruzione del 2001 dell’Etna, dove l’approccio con i vulcani è cambiato

I Malavoglia

Un Vulcano in continua evoluzione

Etna, terroir vinicolo d’eccellenza

Empèdocle e la sua passione per l’Etna

L’Etna: un meraviglioso insieme di microclimi e di vegetazione

La continua evoluzione dei Crateri Sommitali Etnei

I sensi raccontano Acireale

I sensi raccontano i Crateri Sommitali

Il Belvedere Etneo

La Valle del Leone e l’Ellittico

I sensi raccontano i Monti Rossi

L’Isola Lachea e i Faraglioni di Acitrezza

Perché l’Etna si è formato proprio in quella posizione geografica?

Le prime manifestazioni vulcaniche Etnee tra Acicastello ed Acitrezza

Etna, la montagna vivente

Il sistema di faglie delle “Timpe” di Acireale

I sensi raccontano il Belvedere dell’Etna

Il terremoto che cambiò la geografia della Sicilia orientale nel 1693

I Monti Rossi e la distruttiva eruzione del 1669

Un insieme faunistico ancora tutto da scoprire

La Val Calanna, il primo passo verso un unico grande edificio vulcanico

Torre del Filosofo: alla base dei Crateri Sommitali (2950 metri)

Il fiume Aci