I Monti Rossi

I Monti Rossi e la distruttiva eruzione del 1669

Il XVII secolo è stato un periodo molto travagliato per le popolazioni collocate alle pendici dell’Etna. Nel 1607 è iniziata, infatti, una fase eruttiva molto intensa per l’Etna, in cui vi è stata l’emissione di colate laviche con volumi estremamente alti ed insoliti (3km3 in meno di cento anni, circa il triplo di un tasso di emissione normale per l’Etna).
Durante il corso di questo secolo, gli eventi eruttivi non sono stati moltissimi, ma si sono distinti anche per la loro lunga durata. Le eruzioni principali sono avvenute nel 1607-10, 1614-24, 1634-38, 1646-47, 1651-53, 1669 e 1689. Come se non fossero, di per sé bastati i volumi elevati e l’estensione nel tempo, quasi tutte queste eruzioni sono state di tipo laterale, provenienti non dai crateri sommitali, ma lungo fratture radiali, rispetto a essi, a quote comprese tra 2400 e 900 metri.
Tra queste la più importante, conosciuta e ricordata dalle popolazioni locali è stata l’eruzione del 1669. Di questa eruzione abbiamo testimonianze quasi dirette grazie ai racconti raccolti da Sartorius Von Waltershausen . L’eruzione cominciò a metà marzo 1669, con l’apertura di una frattura che dai crateri sommitali si è propagata in pochissimi giorni verso il paese di Nicolosi. Qui ebbe inizio l’attività stromboliana, con la formazione degli attuali Monti Rossi, accompagnata da altissimi volumi di lava emessa dalla loro base. In pochi mesi la lava, che già partiva da bassa quota (circa 1000 metri) raggiunse la città di Catania, coprendo quasi metà della città e arrivando fino al mare. Si tratta della colata lavica più lunga, circa 17 chilometri emessa dall’Etna durante gli ultimi 15.000 anni.
Per completare il secolo in bellezza, bisogna anche ricordare il devastante terremoto di magnitudo 7.4 del 1693, che rase completamente al suolo Catania e buona parte della Sicilia Orientale.
Monti Rossi oggi Litografia storica eruzione 1669 Mignemi

Il Belvedere Etneo

L’uomo e il vulcano: come comportarsi? Il rischio vulcanico

Una fauna ancora tutta da scoprire

L’eruzione del 1928 che distrusse il paese di Mascali

Acireale e la ricostruzione dopo il terremoto del 1693

I sensi raccontano la Val Calanna

L’Isola Lachea e i Faraglioni di Acitrezza

L’Etna: un meraviglioso insieme di diversi tipi di flora

I sensi raccontano i Crateri sommitali Etnei

L’Ellittico, il primo grande vulcano Etneo

La continua evoluzione dei Crateri sommitali Etnei

Perché l’Etna è uno dei vulcani più studiati al mondo?

I sensi raccontano il Belvedere dell’Etna

I Monti Rossi e la distruttiva eruzione del 1669

La Valle del Leone e l’Ellittico

L’attività dei Crateri sommitali tra il 2011 e il 2019

Un vulcano in continua evoluzione

La montagna vivente

L’eruzione del 1669 a Catania

Torre del Filosofo: alla base dei Crateri Sommitali (2950 metri)

Il sistema di faglie delle “Timpe” di Acireale

Il primo tentativo al mondo (quasi riuscito) di fermare una colata lavica: l’eruzione del 1991-93

L’eruzione del 2001 dell’Etna, quando la Montagna sembrava viva

I sensi raccontano la Valle del Leone

Empèdocle e la sua passione per l’Etna

Il Grand Tour in Sicilia

I sensi raccontano I Monti Rossi

Etna, un laboratorio naturale dove svolgere esperimenti

I sensi raccontano Acireale

I sensi raccontano Acicastello ed Acitrezza

Acireale e le sue “timpe”

I sensi raccontano Torre del filosofo

I primi edifici vulcanici dell’Etna, tra Acicastello ed Acitrezza

La Val Calanna, il primo passo verso un unico grande edificio vulcanico

I diversi nomi della “Muntagna”

Il fiume Aci

Le “tacche” della neve

I Malavoglia

Il terremoto che cambiò la geografia della Sicilia orientale nel 1693