I Crateri Sommitali

I sensi raccontano i Crateri Sommitali

vista
L’interno dei Crateri sommitali

Se si è fortunati, allenati ed abituati alle elevate quote e al trekking e, soprattutto, se non vi è una eruzione in corso, si può ampiamente fruire dello spettacolo dell’interno dei Crateri Sommitali. Quello che si nota sin da subito sono le alte colonne di gas, sempre presenti dai campi fumarolici sommitali.

udito
Attività interna

Nell’assoluto silenzio, anche senza vedere nuvole di cenere levarsi dal fondo dei crateri, si può distintamente scorgere delle esplosioni: queste non sono altro che delle bolle di gas che esplodono all’interno del condotto vulcanico quando stanno per raggiungere la superficie.

olfatto
L’aria fine

Oltre all’onnipresente odore emanato dalle fumarole dell’area sommitale dell’Etna, quello che qui si percepisce, inspirando l’aria, è che l’ossigeno è veramente poco.
In realtà la quantità di ossigeno nella miscela componente l’aria è la medesima, solo che in questo luogo la pressione atmosferica essendo minore, provoca la rerafazione di tutta la miscela d’aria.

tatto
Il terreno che vibra

Fermandosi, seduti, appoggiando le mani sulla cinta craterica, si sentirà distintamente vibrare il terreno, a causa delle esplosioni che avvengono all’interno del condotto vulcanico.

Torre del Filosofo: alla base dei Crateri Sommitali (2950 metri)

I sensi raccontano il Belvedere dell’Etna

I sensi raccontano i Monti Rossi

L’eruzione del 1669 a Catania

Perché l’Etna si è formato proprio in quella posizione geografica?

Il fiume Aci

La Valle del Leone e l’Ellittico

Un insieme faunistico ancora tutto da scoprire

L’eruzione del 1928 che distrusse il paese di Mascali

I sensi raccontano la Valle del Leone

I sensi raccontano Torre del Filosofo

L’Isola Lachea e i Faraglioni di Acitrezza

Il sistema di faglie delle “Timpe” di Acireale

I sensi raccontano i Crateri Sommitali

La continua evoluzione dei Crateri Sommitali Etnei

Il Belvedere Etneo

La Val Calanna, il primo passo verso un unico grande edificio vulcanico

Il monitoraggio vulcanico e la previsione delle eruzioni

Etna, la montagna vivente

Etna, terroir vinicolo d’eccellenza

I Monti Rossi e la distruttiva eruzione del 1669

L’uomo e il vulcano: come comportarsi? Il rischio vulcanico

Le prime manifestazioni vulcaniche Etnee tra Acicastello ed Acitrezza

Il Grand Tour in Sicilia

L’eruzione del 2001 dell’Etna, dove l’approccio con i vulcani è cambiato

Empèdocle e la sua passione per l’Etna

L’Etna: un meraviglioso insieme di microclimi e di vegetazione

Acireale e la ricostruzione dopo il terremoto del 1693

I sensi raccontano la Val Calanna

L’Ellittico, il primo grande vulcano Etneo

Le “tacche” della neve

Il terremoto che cambiò la geografia della Sicilia orientale nel 1693

Acireale e le sue “timpe”

I diversi nomi della “Muntagna”

I sensi raccontano Acicastello ed Acitrezza

I sensi raccontano Acireale

I Malavoglia

L’attività dei Crateri Sommitali tra il 2011 e il 2019

Un Vulcano in continua evoluzione